Salta al contenuto principale

Concilio & Orlando Blunt: un debutto sonoro irredentista nell'album "1916"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 59 secondi

Definiscono la loro musica "irredentista" e dedicano il titolo del primo album, "1916", a Cesare Battisti. Loro sono Concilio (Pietro Faustini) & Orlando Blunt (Tommaso Ropelato) entrambi di Trento ed entrambi classe 1998. Una collaborazione quella fra i due musicisti nata otto anni fa sui banchi del Liceo Classico Giovanni Prati con la band dei Dystopia che suonava un crossover rap- metal influenzato da gruppi come Rage Against The Machine e Limp Bizkit. Ora Concilio e Orlando Blunt si sono gettati nelle spire di un rap grintoso e ricco di contaminazioni che da, come suo primo frutto concreto, l'album "1916". Dal 2017 ad oggi la collaborazione fra i due ha portato alla creazione di trenta canzoni fra le quali sono state scelte quelle che fanno parte della tracklist.

<Abbiamo smussato e sgrezzato i campioni e le basi – raccontano Pietro e Tommaso – anche con l’aiuto di Francesco Failo aka “Burger”, producer di Baselga del Bondone, e Alessandro Battisti, nostro tecnico del suono>. I due tengono a dire che non si tratta di un concept album, perché sono state le tracce a suggerire loro il titolo e il concetto, non il contrario. < Il titolo si lega al nostro primo live dello scorso novembre per Suoni Universitari al Teatro Sanbapolis: in quell'occasione avevamo definito la nostra musica “irridentista”>. Da qui  “1916” perché in quell’anno muore Cesare Battisti (proprio lui è protagonista della foto copertina) e la loro suggestione è chiara: <Il nostro progetto, in un parallelo che troviamo affascinante, è espressione di una piccola realtà (come era un tempo il Trentino) che vuole la sua indipendenza rispetto “all’impero Austro-Ungarico” della musica, ovvero dal mercato di oggi e specie da quel rap che da mezzo di comunicazione anche ribelle o comunque di espressione molto sentita si è trasformato in moda>. Due veri e propri irredentisti musicali quindi per dire che : <Il nostro album è fatto prima per piacere a noi, senza compromessi o scorciatoie, prendendo decisioni sulla base dei nostri gusti senza pensare a una sua fruizione. Questo ci piace della musica: comunicare il nostro essere nella speranza che siano pensieri, parole e sentimenti che anche altre persone possano fare propri>.

Ma nei testi non c’ è nessuna vena polemica e, curiosamente, nessun riferimento reale a Battisti: <Inevitabilmente il suo nome ci porta ad una questione di orgoglio trentino, anche se la territorialità non è certo la nostra prima preoccupazione. Però di certo il cd , dalla produzione alle featuring è al 100% “stile Trentino fatto a mano”>. Ascoltando le tracce di "1916" ci si diverte perchè i due passano dal funk, al jazz, al sax suonato da Marco Porcelluzzi, a campioni estrapolati da cartoni animati giapponesi o da una canzone di Zucchero. Ma fra i riferimenti anche un brano dei grandissimi Pixies, “Where is my mind”, e una cover di Stefano Word “Un'altra faccia della costa”. Alla realizzazione del disco hanno collaborato alcuni rapper trentini come Jupin (Paolo Mazzucotelli), Antrace (Nicolò Cont) e Blasto (Alessandro Biasioni).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy