Salta al contenuto principale

La scuola a distanza dilata il tempo

Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

Se lo spazio diviene angusto, può dilatarsi il tempo: è la grande intuizione della scuola in streaming. Migliaia di bambini, ragazzi, insegnanti partecipano alla lezione dalla scrivania in camera, a volte con i familiari.

Spesso è il computer stesso ad essere condiviso, perché i figli sono più d’uno o il telelavoro dei genitori ha la precedenza. La scuola, allora, riempie momenti diversi. Il figlio di una mia amica (quarta elementare) ha un appuntamento fisso alle 20: il maestro ha aperto un canale YouTube, ed invita la classe a collegarsi ogni sera; per sentire, distanti ma nello stesso momento, una fiaba. Ieri parlavo con una collega: insegna alla primaria (quinta elementare) e per i suoi scolari ha scelto la strada della videolezione. Ma è impossibile gestire una conferenza in streaming con venti bambini di dieci anni. Uno si mette in bocca le cuffie, un altro si alza per andare a bere a metà della spiegazione; il terzo muove il tablet in giro per la stanza: vuole mostrare ai compagni il soggiorno di casa.

La collega ha impiegato poco a capire che stare al computer tutti insieme non sarebbe servito a nulla, e ha diviso gli scolari in piccoli gruppi. In videoconferenza incontra un massimo di quattro, cinque bambini; il tutto diventa molto faticoso per lei, che deve ripetere gli stessi concetti quattro volte al giorno, ma almeno i bambini capiscono. E siccome al mattino i computer sono occupati, le lezioni di quinta elementare sono tutte al pomeriggio, dalle 14 alle 19. Oppure il sabato mattina, quando mamme e papà non hanno bisogno del device.

La necessità di spostare i collegamenti al pomeriggio è comune a molti insegnanti, soprattutto alle elementari e alle medie. Dopo pranzo e fino all’ora di cena si è tutti un po’ meno freschi, ma spesso è l’unico modo per consentire agli scolari di essere in diretta, e pazienza per le cuffie masticate.

Mia figlia Caterina è fortunata: a differenza di tanti altri alunni della sua età, lei è in videolezione più o meno con gli stessi orari della scuola pre-quarantena. Al pomeriggio si dedica ai compiti. Le maestre di Silvia seguono la strada del sito didattico: lo hanno inaugurato la settimana scorsa, e nella homepage c’è una bella immagine della lavagna di classe. Ora si sono aggiunte le voci; l’insegnante di Italiano ha regalato ai bambini la propria lettura di una storia a capitoli: è «Una gatta in fuga», avventure di una famiglia siriana che scappa da Damasco. L’avevano interrotta l’ultimo giorno di scuola vera, quando all’improvviso la priorità è diventata dare delle consegne di emergenza, salutarsi, sperare di rivedersi dopo qualche giorno.

L’insegnante di inglese procede con i dettati: «Hello, hello quarta B! È la vostra maestra che vi parla! Siete pronti?». Nel frattempo sono stati attivati gli indirizzi mail anche per i bambini della primaria, e quindi le insegnanti inviano correzioni individualizzate. «Ci manchi, Silvia. Ci mancate tutti» hanno scritto pochi giorni fa. Mia figlia di mezzo è ruvida, chiassosa, caparbia. Solo occasionalmente tradisce qualche umana debolezza: «Mamma - mi ha detto ieri, con un calzino infilato e uno no - la maestra mi ha mandato un messaggio bellissimo commentando il mio compito di scienze. Ma io mi sono messa a piangere, perché avrei voluto che quelle cose me le dicesse di persona».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy