Salta al contenuto principale

Dal 23 al 25 Festival delle Resistenze

Ci sarà anche Makkox di Gazebo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
8 minuti 17 secondi
A cinque mesi esatti di distanza dall'edizione bolzanina (23-25 aprile), il Festival delle Resistenze Contemporanee arriva in piazza Cesare Battisti, nel cuore di Trento, per proporre – dal 23 al 25 settembre – tre giornate altrettanto ricche di eventi. Scrittori, giornalisti, disegnatori e cantautori, affermati o emergenti ma sempre di grande spessore. L’ex magistrato Gherardo Colombo, i giornalisti Ezio Mauro, Ennio Remondino, Bianca Berlinguer, Sandro Ruotolo e Luca Raffaelli, lo scrittore e sociologo Tahar Ben Jelloun, il vignettista Makkox e la delegata UNHCR Alessandra Morelli sono solo alcuni dei nomi che il pubblico trentino (e non solo) potrà incontrare nel centro storico di Trento.

Il Festival delle Resistenze contemporanee 2016, progetto culturale sostenuto dal Dipartimento Cultura Italiana della Provincia di Bolzano e dall’Assessorato alle Politiche giovanili della Provincia di Trento, è stato presentato stamattina presso il palazzo della Provincia di Trento dall'assessora provinciale alle Politiche giovanili Sara Ferrari assieme ai rappresentanti delle associazioni e cooperative della Piattaforma delle Resistenze contemporanee ed ai funzionari di riferimento del Dipartimento Cultura Italiana della Provincia di Bolzano e dell'Assessorato alle Politiche giovanili della Provincia di Trento. Alla conferenza stampa ha partecipato Nadia Servino, responsabile dei Punto Enel Triveneto di Enel Energia, main sponsor del Festival delle Resistenze 2016.

"Un festival - ha detto l'assessora Ferrari - che è frutto di un lavoro congiunto fra Trentino e Alto Adige, di respiro quindi autenticamente regionale, ma anche internazionale, per la qualità delle proposte, che coinvolgono nomi importanti del giornalismo e della cultura. Un festival che coinvolge i giovani non solo come destinatari delle proposte ma anche come organizzatori. Un festival che attualizza l'idea di resistenza, intesa oggi in primo luogo come resistenza all'omologazione, all'appiattimento sull'individualità, ai pregiudizi. L'approccio è quello della cittadinanza attiva, frutto della presa di coscienza di ciascuna persona del ruolo che può giocare nella società, soprattutto nella dimensione del lavoro comune e della condivisione, che è poi il tema di questa edizione del Festival".

"Per ognuna delle giornate vi saranno 4 o 5 eventi", ha detto a sua volta Andrea Brandalise, project manager della manifestazione, nell'illustrarne i contenuti; non solo conferenze e dibattiti ma anche laboratori e attività comuni, con  i giovani membri della consulta provinciale degli studenti e del consiglio provinciale dei giovani, le associazioni e le cooperative e gli altri soggetti territoriali che hanno aderito al bando Resistenze e che hanno lavorato in questi mesi, assieme ai soggetti istituzionali. Ci saranno infine anche proposte rivolte ai bambini e alle loro famiglie. "Parliamo di piattaforma delle resistenze contemporanee, ha aggiunto - perché pensiamo che i valori della Resistenza storica vadano reinterpretati alla luce dei temi e delle emergenze dell'oggi, dalle nuove migrazioni al bisogno di legalità, al dialogo fra le generazioni".

Un approccio condiviso dall'Enel e dagli altri sostenitori della manifestazione, come pure dei tanti "amici " della Piattaforma, che fra Trentino e Alto Adige hanno contribuito a farne un evento così ricco e vitale. L'adesione è sempre aperta a tutti i cittadini, che anche nei giorni del Festival trentino potranno iscriversi presso lo stand allestito dall'organizzazione in piazza Battisti, e in questo modo "metterci la faccia" (in senso non solo figurato visto che la loro foto sarà inserita nel manifesto e sul sito di Resistenze).

Ecco un estratto del programma del Festival:

 VENERDÌ 23 SETTEMBRE

ORE 10.00

Giornata dei giovani: il cantiere delle idee. Una mattina di lavoro e di confronto che vedrà protagonisti i giovani membri della consulta provinciale degli studenti e del consiglio provinciale dei giovani. L’appuntamento inaugurerà il Festival e sarà moderato dallo staff di Resistenze in collaborazione con l’ufficio Politiche Giovanili della Provincia e del Comune di Trento.

ORE 14.00

Il manifesto della cittadinanza attiva. Laboratorio educativo per trasformare l’apprendimento in un momento magico e coinvolgente. A partire dai 10 anni. Ogni gruppo realizzerà un manifesto per comunicare visivamente il proprio pensiero. Il laboratorio è a cura del collettivo MamarameoLab formato da tre giovani designer nate e cresciute in Trentino-Alto Adige: Alice Dellantonio, Manuela Dasser e Maddalena Aliprandi.

 ORE 16.00

#bandoresistenze

Pomeriggio di lavoro per la sezione regionale “Percorsi” della Piattaforma delle Resistenze Contemporanee. I progetti candidati all’edizione 2017 s’incontrano per raccontare la propria idea e verificare possibili intrecci anche a livello regionale. L’incontro è curato dallo staff di Resistenze in collaborazione con la Scuola di Preparazione Sociale di Trento.

 ORE 18.30

Sono stato io! E se la Costituzione la scrivessero i bambini? Il famoso ex-magistrato e costituzionalista Gherardo Colombo, l’educatrice e collaboratrice di Resistenze Anna Sarfatti e l’insegnante Licia Di Blasi presentano il loro nuovo progetto. In prima assoluta, gli autori presenteranno sul palco quello che tanti hanno già definito “un libro irrinunciabile per genitori, insegnanti ed educatori che vogliono spiegare ai ragazzi che cosa sono le regole e a cosa servono”.

 ORE 21.00

Generazioni a confronto. L’ex direttrice del TG3 Bianca Berlinguer si interroga sul senso di mettere persone di età diverse in dialogo tra loro. Da sempre si parla di dialogo intergenerazionale ma non sempre ci si accorge del vero senso che sta dietro a questo fenomeno. Berlinguer, che di storia personale e collettiva se ne intende, si confronta con il pubblico per capire quanto sia importante chiedere da dove veniamo ma anche cercare di capire dove stiamo andando.

Modera Enrico Franco, direttore dei quotidiani “Corriere del Trentino” e “Corriere dell’Alto Adige”.

 

SABATO 24 SETTEMBRE

ORE 10.00

Sharing ‘900. Ennio Remondino dialoga con i giovani dei progetti “Promemoria_Auschwitz” e del viaggio a Srebrenica su come si costruisce e condivide la memoria pubblica della storia del ‘900 europeo. La visione dei luoghi, la raccolta delle testimonianze e la consapevolezza di tornare per raccontare sono le azioni che hanno coinvolto i partecipanti ai viaggi organizzati dalle Province di Trento e Bolzano sui luoghi in cui metaforicamente l’Europa nata dalle ceneri di Auschwitz è stata di nuovo colpita al cuore dei suoi valori: Srebrenica. Ne parlerà il noto corrispondente di guerra Ennio Remondino, che fu per gli italiani la voce e il volto della guerra balcanica degli anni ‘90.

 ORE 14.00

Il manifesto della legalità. Laboratorio educativo per trasformare l’apprendimento in un momento magico e coinvolgente. A partire dai 10 anni. In questo laboratorio si esplorerà in piccoli gruppi l’importanza del rispetto delle regole. A cura del collettivo MamarameoLab.

 ORE 16.00

Stato vs Mafia: chi sta vincendo? Si confrontano con il pubblico il noto giornalista antimafia Sandro Ruotolo e il vicepresidente di Nuova Cooperazione Organizzata Peppe Pagano. “Da un quarto di secolo è in pieno svolgimento una guerra civile dove sta vincendo un solo esercito. Questa è la peggiore guerra perché il nemico è il vicino della porta accanto”. Le parole di Sandro Ruotolo ci ricordano come la battaglia contro la mafia non debba mai essere dimenticata.

Modera Alessandra Saletti, ufficio stampa Università degli Studi di Trento.

 ORE 18.30

Le nuove migrazioni. Tra integrazioni e nuovi muri. Tavola rotonda con il sociologo e scrittore marocchino Tahar Ben Jeloum e la delegata UNHCR Alessandra Morelli. Un dibattito per capire meglio il fenomeno migratorio contemporaneo e confrontarsi su come affrontarlo. Ne discutono due importanti ospiti e conoscitori del fenomeno migratorio, da chi lo vive tutti i giorni sul campo, a chi lo studia e ne scrive da sempre.

Modera Pierangelo Giovanetti, direttore del quotidiano “L’Adige”.

 ORE 21.00

Che lingua parli? La musica! Da sempre la musica rappresenta uno degli strumenti comunicativi più efficaci, capace di superare le barriere linguistiche e spesso anche quelle culturali. In piazza Battisti, per discutere con il pubblico e attraverso il suo repertorio ripercorrere un pezzo della nostra storia contemporanea, arriva il cantautore ferrarese Vasco Brondi, noto con il nome d’arte di “Le luci della centrale elettrica”.

 

DOMENICA 25 SETTEMBRE

ORE 9.30

Piani a strati 2.0. Da 10 anni in Trentino sono attivi 32 Piani giovani di zona e 3 di ambito. Ma cosa sono? E cosa fanno? Le politiche giovanili della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con i referenti tecnici organizzativi, provano a raccontarsi alla cittadinanza attraverso immagini, filmati e installazioni.

 ORE 11.30

Energiaxlamemoria: contest artistico live. Diventa l’ideatore della mascotte di Resistenze! Hai tra i 18 e i 35 anni, ti piace disegnare e sei una persona creativa? Partecipa al contest live di disegno della mascotte di Resistenze, che accompagnerà le attività dei prossimi anni della Piattaforma: potrai vincere una bici elettrica! L’iniziativa nasce nell’ambito di Energiaxlamemoria in collaborazione con Enel Energia, mainsponsor del Festival. La e-bike verrà consegnata al vincitore presso il Punto Enel di Trento (via Belenzani 23/a) il prossimo ottobre.

 ORE 16.00

Un mondo condiviso. L’età della condivisione alla prova della condivisione… Tra i miliardi di dollari di capitalizzazione e l’aggressività su scala planetaria del modello Uber e AirBnB e il fragile affermarsi di nuove esperienze mutualistiche, c’è un caleidoscopio di questioni che abbiamo l’obbligo di affrontare.

Ugo Morelli - scienziato cognitivo, Università di Bergamo

Flaviano Zandonai - Euricse

Daniele Bucci - OuiShare

Antonio Galdo - direttore www.nonsprecare.it

Massimo Cattaruzza Dorigo – Vicepresidente FederCultura Turismo Sport Alto Adige

Alberto Carli – Consigliere Federazione Trentina della Cooperazione

Modera Federico Zappini.

 ORE 18.30

Storia vecchia e nuova. La narrazione attraverso l’immortale linguaggio del disegno. Dialogo dal vivo tra il noto disegnatore Makkox e il giornalista Luca Raffaelli assieme agli ideatori e produttori del progetto “Mila”. Disegnare significa unire conoscenza ed espressione; è la rappresentazione di un’invenzione. E se l’oggetto di quella rappresentazione fosse la Storia? Quella più vecchia come la seconda guerra mondiale a Trento - affrontata nel cortometraggio d’animazione Mila - o quella più contemporanea affrontata in chiave satirica e ironica da Makkox.

  ORE 21.00

L’informazione ai tempi di Internet. Ex-direttore dei quotidiani nazionali “La Stampa” e “Repubblica”, Ezio Mauro riflette sul valore della condivisione nel mondo del giornalismo. Quali sono i principali cambiamenti che il mondo del giornalismo ha vissuto negli ultimi decenni? Viviamo oggi un reale accesso libero alle notizie o rischiamo di subire una grande strumentalizzazione? Quale futuro deve aspettarsi il giornalismo cartaceo?

Modera Alberto Faustini, direttore dei quotidiani “Trentino” e “Alto Adige”.

Il programma completo e tutti gli approfondimenti sui singoli eventi sono disponibili sul sito www.piattaformaresistenze.it.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy