Salta al contenuto principale

Mart, profondo rosso:

i 136 mila visitatori

dopo giugno sono la metà

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Sono stati in tutto 136.180 i visitatori del Mart nel 2019, in linea con gli anni precedenti, mentre gli ingressi nel 2020, a partire dalla riapertura del 2 giugno fino ad oggi, si attestano all’incirca nel 50% del corrispondente dato dell’anno scorso. A fornire le cifre è l’assessore alla cultura Mirko Bisesti rispondendo a un’interrogazione del capogruppo di Futura Paolo Ghezzi.

Bisesti imputa «le sofferenze» patite dal Mart alle misure straordinarie legate all’emergenza sanitaria per il virus Sars-cov 2, che hanno determinato i mesi di chiusura del museo (particolarmente gravosa risulta la perdita delle mensilità primaverili tipicamente dedicate alle gite scolastiche), poi il necessario contingentamento degli ingressi e infine la lenta ripresa dei consumi e dei flussi turistici.

L’assessore aggiunge però che «la recente mostra sul Caravaggio penso possa incrementare sensibilmente gli ingressi al Mart per questa ultima parte del 2020».

Sempre rispondendo a Ghezzi, Bisesti ricorda che il programma del 2021 prevede «tre esposizioni di rilievo internazionale»: la prima dedicata a Fortunato Depero, la seconda a «Pablo Picasso, Salvador Dalì, De Chirico, Raffaello»; la terza a John Constable. Mostre, conclude, «accompagnate da progetti di valorizzazione delle Collezioni del Museo ed arricchite dalla proposta di eventi e approfondimenti tematici».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy