Salta al contenuto principale

Riemergere dalla pandemia

Educa cerca risposte

con quattro giorni di eventi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

Domani, giovedì, scatta l’undicesima edizione del festival Educa: “Futuri anteriori. Riemergere dall’esperienza covid” è il titolo dell’evento sull’educazione, in programma dal 19 al 22 novembre, online ma anche con iniziative live.

Parallelamente si svogerà una rassegna dell’audiovisivo dedicata alle scuole e alle famiglie: Educa Immagine, per apprendere l’alfabeto e la grammatica delle immagini e dei media, in particolare dei social.

Educa prova a rispondere agli interrogativi che il lockdown e la pandemia hanno sollevato sugli elementi fondanti, e prima d’ora ritenuti consolidati, delle relazioni educative.

«Un invito - si legge nella nota stampa - rivolto a genitori, insegnanti, educatori, ragazzi e bambini affinché quanto vissuto nei mesi scorsi non vada disperso, ma diventi occasione per superare le paure, vincere le resistenze al cambiamento, valutare le difficoltà trasformandole in nuove opportunità e alimenti una nuova alleanza per costruire l’educazione del futuro.

Il programma di giovedì 19 novembre

Il festival apre giovedì 19 novembre con la voce dei ragazzi a cui Educa ha sempre dato grande attenzione e spazio: accompagnati dai rappresentanti dello Slam Poetry, uno dei movimenti più innovativi nel panorama nazionale internazionale, gli studenti di una scuola media di Rovereto attraverso il linguaggio poetico racconteranno la loro esperienza della pandemia e i loro vissuti proiettandoli nel futuro.

L’appuntamento è l’esito di un percorso formativo sostenuto dalle Casse Rurali Trentine, da sempre partner del festival. Sempre nella mattinata di giovedì, alcune classi saranno impegnate nella visione di film come Phantom Boy e The Truman Show alle quali seguiranno dei laboratori di educazione all’immagine curati dalla Fondazione Sistema Toscana- Lanterne magiche in cui saranno forniti agli studenti strumenti base di lettura per la comprensione critica di un film e degli elementi narrativi e formali che lo compongono attraverso materiali didattici audio-video.

Nel pomeriggio, alle 16 l’incontro online organizzato in collaborazione con Miur e MiBACT dove sarà illustrato il nuovo bando del Piano nazionale Cinema per la Scuola, oltre ad alcuni progetti di educazione all’immagine realizzati in questi anni e alle 17.45 l’appuntamento sulla comunicazione non ostile e inclusiva nel web con il webinar Leoni da Tastiera, che vede tra gli altri ospiti il professor Michele Marangi dell’Università Cattolica di Milano e Rosy Russo ideatrice di Parole O-Stili; il webinar è realizzato in collaborazione con Informatici senza Frontiere, Assostampa e Ordine dei giornalisti del Trentino Alto Adige.

Chiude la giornata l’appuntamento online La scuola di tutti realizzato in collaborazione con la Federazione trentina della Cooperazione, dedicato a riflettere sulla sua fondamentale funzione sociale e culturale in un contesto complesso come quello generato dal Covid e sul rischio che la pandemia generi nuove diseguaglianze; sul tema dialogheranno il maestro elementare Franco Lorenzoni e la nota sociologa Chiara Saraceno, moderati da Viviana Sbardella, sovrintende scolastica della Provincia Autonoma di Trento.

Tutti gli eventi verranno trasmessi in diretta sulla pagina Facebook di Educa e sul canale YouTube festival Educa. La partecipazione è libera e gratuita.

Le proiezioni sono riservate alle scuole».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy