Salta al contenuto principale

Libri, l'ossigeno a Natale

salva in parte il 2020

ma la strada è in salita

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 31 secondi

Cruciale per il mondo del libro, il periodo natalizio, che vale doppio per il settore, ha portato buoni risultati nelle vendite nell'anno della pandemia. Tanto che si può ben sperare che il 2020 si chiuda in linea con il 2019.

Ma, restano luci e ombre in un mercato che sta cambiando e ha visto, durante l'emergenza sanitaria, un incremento degli acquisti online ai quali molti si sono avvicinati per la prima volta. Il libro ha comunque dimostrato la sua forza di bene primario e grazie a un impegno di forze congiunte, del governo, degli editori e dei librai, ha saputo percorrere le nuove sfide con una grande capacità di resilienza.

 

Lo annuncia, in vista della presentazione dei dati che saranno presentati il 29 gennaio a Venezia, alla Scuola dei Librai Umberto ed Elisabetta Mauri, il presidente dell'Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi.
"Le vendite a Natale sono andate bene e questo ci consente di sperare che il 2020 si chiuda sugli stessi livelli del 2019 per l'editoria di varia, ovvero romanzi, saggistica, libri per ragazzi nelle librerie, nei supermercati e negli store online.

Si tratta di un dato che conferma la ripresa del mercato del libro dopo il lockdown di marzo e aprile e che era già evidente nei numeri di luglio e settembre" quando la perdita di fatturato del settore della varia, che comprende romanzi e saggi, rispetto al 2019 si era ridotta di altri 4 punti percentuali, dal -11% al -7%. A meta' aprile era -20%. Una spinta ulteriore al recupero la hanno data le tante iniziative di Natale tra cui la campagna congiunta "Pensaci subito, non fare le code.

In libreria il Natale è già iniziato" di AIE e librai-ALI Confcommercio, partita a novembre 2020 per invitare i lettori ad andare in libreria il prima possibile, senza attendere le code natalizie. Fondamentali però sono state le misure di governo e parlamento a favore del libro, come ricorda Levi.

"Fin da ora possiamo dire che a questo risultato positivo hanno contribuito, insieme all'impegno e al coraggio degli editori e delle librerie, che hanno continuato il loro lavoro anche quando non c'era visibilità sull'immediato futuro, le importanti misure a favore del libro assunte dal governo e dal Parlamento e prontamente attuate dall'amministrazione del ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo con grande efficienza" sottolinea il presidente dell'Aie.

Certo, la situazione delle vendite di dicembre nelle librerie italiane, secondo la radiografia dei librai di Ali Confcommercio, è stata a macchia di leopardo: bene quelle di provincia, qualche difficoltà per quelle nei centri delle città turistiche con perdite registrate fino al 10%, in sofferenza quelle in stazioni e aeroporti e nei centri commerciali che alla luce delle chiusure nei prefestivi e festivi hanno accumulato perdite nei mesi di novembre e dicembre oltre il 30%.

"Quanto emerge dall'andamento del 2020 è che quando le librerie sono messe nelle condizioni di fare il loro lavoro i risultati arrivano; preoccupa da questo punto di vista il perdurare delle limitazioni imposte alle librerie nei centri commerciali e il dato di forte crescita nel 2020 dell'online, segmento di mercato che ha tratto grande giovamento dalle restrizioni imposte agli altri operatori" dice il presidente di Ali Confcommercio, Paolo Ambrosini. Ma lancia un allarme: "ci attendiamo che il governo e il parlamento intervengano a breve per riequilibrare il mercato e ristabilire le normali condizioni di concorrenza, altrimenti temiamo che nel primo semestre si debba assistere a chiusure di librerie, fatto che dobbiamo tutti assieme cercare di scongiurare" afferma Ambrosini.

Che il panorama a cui assistiamo sia complesso lo sottolinea anche il presidente dell'Aie. "Innanzitutto il dato positivo nasconde al suo interno performance molto diverse: il boom delle vendite online e la buona tenuta delle librerie di quartiere, ad esempio, si accompagna a una difficoltà delle librerie nei centri cittadini e nei centri commerciali e a quelle di catena.

L'assenza di manifestazioni fieristiche ha privato alcuni editori di un importante canale di vendita e promozione. Alcuni settori, come l'editoria di arte e di turismo ma non solo, hanno subito grandissime perdite e tutti gli editori si trovano di fronte a sfide molto difficili".

Insomma, il 2021 "si preannuncia comunque non facile" e "ci auguriamo" dice Levi che "vedrà ancora il governo e il Parlamento a sostegno della cultura e della lettura in Italia".

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy