Salta al contenuto principale

Petizione chiede alla Provincia

la riapertura per gli spettacoli

A Trento flashmob dei ballerini

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Il mondo dello spettacolo è nuovamente fra le vittime principali delle chiusure di attività previste dal governo per contenere l'epidemia di covid-19.

Chiusi cinema e teatri, sospese le attività delle scuole di danza: la situazione è pesante.

Domani, mercoledì 28 ottobre,i giovani ballerini del Trentino hanno in programma un flashmob di «danza sul silenzio»: quindici minuti in piazza Duomo, alle 14.30, nel rispetto del distanziamento e dell'uso delle mascherine.

«Vorremmo fare sentire anche la nostra voce, riguardo l'ultimo dpcm che abbiamo ricevuto, nell'unico modo che possiamo fare».

Frattanto è stata lanciata una raccolta di firme per chiedere alla Provincia di consentire le aperture di cinema e teantri, nonché lo svolgimento di altri spettacoli.

Ecco il testo della petizione, rivolta al presidente della giunta, Maurizio Fugatti, all'assessore alla cultura Mirko Bisesti e al dirigente del servizio cultura Claudio Martinelli.

«Visto il recente dpcm firmato il 24 ottobre 2020, in particolare l’articolo 1, punto 9, lettera m: “sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto”

Visto il successo dell’applicazione dei protocolli di sicurezza anti-contagio in Provincia di Trento da parte di gestori, organizzatori, aziende e lavoratori dello spettacolo, unitamente alla collaborazione del pubblico, durante tutto il periodo successivo alla riapertura delle attività di spettacolo.
 
Visto il punto 21 dell’Ordinanza n. 49 del 25/10/2020 della Provincia Autonoma di Bolzano: “Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche sono consentiti nel rispetto delle misure di sicurezza di cui all’allegato A della legge provinciale 08.05.2020, n. 4 e con il numero massimo di 200 spettatori.”
 
CHIEDIAMO
 
che la Giunta si impegni nel prevedere norme meno restrittive del dpcm di cui in oggetto, come già ipotizzato per bar e ristoranti, anche per le attività di spettacolo aperte al pubblico, data la dimostrata efficienza nell’applicazione dei rigidi protocolli finora in vigore».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy