Salta al contenuto principale

I "cervelloni" del Polo Meccatronica

si agganciano alla rete mondiale

di calcolo computazionale anti-Covid

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

I sofisticati calcolatori del laboratorio di prototipazione rapida di Polo Meccatronica a Rovereto contribuiscono a potenziare la forza di calcolo della rete internazionale Folding@home per trovare nuovi farmaci con il metodo computazionale. L’obiettivo, attraverso potenza di calcolo ed elaborazione di complessi algoritmi, è di produrre la proteina che si lega alla corona del virus Covid-19 e poi sintetizzarla in un vaccino. Operazione complessa che può essere aiutata attraverso la potenza di calcolo. Un progetto al quale possono aderire anche i singoli cittadini, scaricando il client dal sito ufficiale.

Si chiama medicina computazionale. Nasce dalle nanotecnologie e dai progressi tecnologici della biologia molecolare. Permette di monitorare e modellare i fenomeni molecolari, aprendo nuove strade alla ricerca e allo studio dei meccanismi fisiopatologici. I metodi di calcolo applicati alla ricerca biomedica consentono di analizzare, gestire, smistare e memorizzare milioni di dati utili a estrarre dati da combinare alle evidenze cliniche tradizionali e stimolando, tramite potenti algoritmi, anche metodi per il calcolo di soluzioni efficaci.

La rete Folding@home, promossa dall’Università di Stanford (California), è una rete di «calcolo distribuito», composta da milioni di computer e server sparsi in tutto il mondo, e sta raccogliendo la potenza computazionale, ovvero la forza di calcolo, di computer e supercomputer sparsi in tutto il mondo per trattare in modo efficace dati eterogenei di carattere biomedico e molecolare per trovare soluzioni applicabili nella pratica clinica.

Nella fattispecie dell’emergenza per il Covid-19, questa straordinaria potenza di calcolo è posta a servizio della ricerca di una proteina in grado di legarsi alle punte del Coronavirus per poi, auspicabilmente, sintetizzarla in un vaccino.

Nelle ultime settimane la rete cui hanno aderito anche i computer di ProM Facility, il laboratorio tecnologico di Trentino Sviluppo specializzato nella prototipazione, taglio laser, stampa 3D, analisi metrologiche: si tratta di 5 potenti server, tra i quali tra cui il Nvidia DGX-1 acquistato grazie al contributo della Fondazione Caritro. Nelle ultime settimane la rete di Folding@home ha visto incrementare i partecipanti del 1200%. Grazie a questo boom di partecipazione, la rete connessa è riuscita a raggiungere una potenza complessiva maggiore dei sette supercomputer più potenti del mondo messi insieme, arrivando alla potenza di 470 PetaFLOPS, equivalenti a 27 milioni di CPU.

«Abbiamo volentieri messo a disposizione le migliori tecnologie di ProM Facility - commenta Paolo Pretti, direttore operativo di Trentino Sviluppo – confermando alle strutture sanitarie anche la nostra disponibilità, qualora in emergenza lo ritenessero necessario, a stampare in 3D parti di dispositivi medici, come valvole per respiratori e componenti per strumenti per la prevenzione, la diagnostica e il monitoraggio per il contenimento e il contrasto della diffusione del Coronavirus».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy