Salta al contenuto principale

La proposta dei vignaioli:

causa crisi, ridurre tutti

la produzione del 30 per cento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 40 secondi

Il presidente del Consorzio vignaioli del Trentino Lorenzo Cesconi ha scritto all’assessore all’agricoltura della Giunta provinciale di Trento Giulia Zanotelli e al presidente del Consorzio vini del Trentino Pietro Patton per chiedere un provvedimento d’urgenza finalizzato alla riduzione della resa di uva a ettaro. L’istanza si propone di ridurre gli effetti negativi comportati dalla riduzione della vendita dei prodotti vinicoli per l’emergenza Covid-19.

«A nostro avviso si rende necessario un provvedimento d’urgenza finalizzato alla riduzione della resa massima di uva a ettaro e della relativa resa di trasformazione in vino, allo scopo di conseguire un migliore equilibrio di mercato», spiega Cesconi. «La proposta che avanziamo - prosegue - è quella di prevedere per le produzioni Doc e per le Igt un taglio orizzontale tra il 20% e il 30% delle rese».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy