Salta al contenuto principale

Trentino, aperto il 60% dei ristoranti

Ma l'estate rimane un'incognita

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

Circa il 60% dei ristoranti trentini ha riaperto o sta per ripartire proprio in questi giorni, ma sono ancora molte le incognite e tante le preoccupazioni per il futuro e per come sarà l’estate. Ancora pochi hanno potuto beneficiare delle linee di credito promesse dal governo, mentre se il delivering ha avuto un picco nella fase di lock-down, in molti - circa il 50% - al momento pensano di non effettuare più il servizio.

È quanto emerge da un’indagine statistica effettuata dall’associazione ristoratori di Confcommercio su un campione di 381 ristoratori e presentata ieri dal presidente di categoria Marco Fontanari. Molti imprenditori hanno riaperto: un 40% è ancora in attesa, ma di questi buona parte ricomincerà con il mese di giugno, in particolare le attività stagionali e nelle zone dei laghi, mentre si stima che un 4-5% forse non riaprirà più.

Si tratta prevalentemente di attività fuori dalle rotte turistiche e che lavoravano principalmente con il mondo del business: la forte riduzione degli spostamenti e la prospettiva che non ci sia più il movimento di prima probabilmente indurrà più di qualche ristoratore a chiudere definitivamente.

Le linee guida e le correzioni apportate a livello provinciale hanno parzialmente soddisfatto le attività: se quasi il 50% ritiene che siano un buon compromesso o comunque il meglio che si poteva ottenere, quasi il 40% le ritiene di difficile interpretazione o comunque complicate da mettere in pratica.

La conseguente riduzione dei coperti ha comportato notevoli difficoltà: solo il 5,5% degli intervistati ha subito una riduzione inferiore al 20%, mentre il 46% calcola una contrazione tra il 40% e il 60%.

In molti ritengono che buona parte della clientela con il tempo tornerà, ma l’epidemia peserà comunque notevolmente sui bilanci: la maggioranza degli intervistati indica infatti cali di fatturato dal 30% al 70%, e per 1 impresa su 3 ci vorrà più di un anno per tornare ai ritmi pre-coronavirus.

«Il nostro settore è stato colpito duramente - ha ricordato Fontanari - e anche oggi con la riapertura vediamo che l’afflusso è ridotto. Sappiamo che non tutti torneranno al ristorante, un cambiamento, anche culturale, ci sarà. Noi cercheremo di potenziare alcuni servizi perché non vogliamo farci trovare impreparati».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy