Salta al contenuto principale

Conftrasporto contro l'Austria

«Sull'inquinamento bara

per bloccarci a scopi economici»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

«L’Austria, lo abbiamo detto più volte, bara: lo dimostrano i dati» in base ai quali «nonostante i contingentamenti e il lockdown, i valori delle polveri sottili al Brennero rimangono invariati».

È quanto afferma il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè, che riporta i dati, pubblicati nel sito della Camera di commercio di Bolzano, in base ai quali «il coronavirus e il catastrofico crollo del traffico hanno avuto, e continuano a produrre, conseguenze immani per l’economia, mentre sembrano non ripercuotersi sui valori delle polveri sottili».

«Intanto però - prosegue Uggè - l’Austria porta avanti il suo disegno economico contrabbandandolo con un disegno ecologico».

«Diamo atto alla ministra Paola De Micheli - conclude - dell’impegno presso l’Unione europea, ma ora il presidente del Consiglio non può non intervenire a livello comunitario perché questo è problema politico che va risolto».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy