Salta al contenuto principale

L'esperto di fisica: «Dobbiamo

essere pronti a un'altra Vaia»

Chiudi

Alberi abbattuti, maltempo, Vaia, Panarotta, Vetriolo, danni, bosco

Fonte:

Gigi Zoppello

Apri

Gigi Zoppello @ladige.it 

Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

«Dobbiamo essere preparati ad affrontare altri eventi meteorologici estremi come la tempesta Vaia che ha flagellato le montagne del nord-est: per capire quando e perchè si sviluppano, però, servono più risorse per fare ricerca, mentre in Italia in questo momento si sta disinvestendo e l’Agenzia meteorologica nazionale Italia Meteo è ferma». A lanciare l’allerta è Dino Zardi, fisico dell’atmosfera dell’Università di Trento, intervenuto ieri a Milano.

«Proprio in questi giorni stiamo lavorando a un progetto internazionale di grande scala, chiamato TEAMx, per studiare fenomeni estremi che colpiscono le Alpi: faremo campagne di misura di grande estensione sul territorio montano per capire lo sviluppo di determinati meccanismi per poi riprodurli al meglio con i nostri modelli matematici che girano sui calcolatori», racconta Zardi.

Molti i Paesi coinvolti: «partecipano Germania, Francia, Svizzera, Austria, Croazia, Slovenia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti. L’Italia - ricorda l’esperto - si presenta con una cordata fatta da università, il Cnr, il dipartimento della Protezione Civile e diversi servizi meteorologici regionali, ma al momento siamo l’unico Paese partecipante senza risorse. In agosto, a Rovereto, prepareremo la proposta con cui verrà fatta la richiesta di fondi alle varie agenzie nazionali di finanziamento della ricerca, e per questo lancio un appello affinchè l’Italia non manchi questo appuntamento. Inoltre, a settembre, il nostro Paese tornerà ad ospitare dopo 21 anni la Conferenza internazionale di meteorologia alpina: un evento molto importante - conclude Zardi - a cui vorremmo invitare anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy