Salta al contenuto principale

Asili e nidi, si ricomincia

il 3 settembre: ecco

le nuove linee guida

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

Finitavenerdìi l’attività di materne (per la prima volta estesa fino al 31 luglio per le seconde) e asili nido, con famiglie, bimbi e maestre in festa, in Trentino è già tempo di pensare all’anno educativo in arrivo. Le scuole dell’infanzia dovrebbero riaprire il 3 settembre, come da comunicazione alle famiglie in questi giorni. Ma per ora sul fronte delle regole, si attendono le ultime decisioni per i protocolli di ingresso.

Un aiuto arriva dalle linee guida che sono state approvate ieri nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni. «Sugli aspetti organizzativi abbiamo piena autonomia, vedremo cosa ci è utile - commenta le nuove regole Roberto Ceccato - È in linea generale coerente con le nostre indicazioni che abbiamo anticipato proprio per essere pronti a settembre».

Tanti gli aspetti toccati dalle linee guida per 0-6 anni. Per quanto riguarda le educatrici negli asili e le maestre nelle materne si dice che «devono essere individuate stabilmente, adottando un’organizzazione che favorisca l’individuazione per ciascun gruppo del personale educatore, docente e collaboratore, evitando, nei limiti della migliore organizzazione attuabile e delle sopravvenute esigenze, che tali figure interagiscano con gruppi diversi di bambini». Per quanto concerne il rapporto numerico personale educativo/bambini, nei servizi educativi della fascia 0-3, si ritengono valide le indicazioni ordinarie «stabilite su base regionale, salvo eventuali diverse disposizioni adottate dalle singole Regioni».

Viene riconfermato «il rapporto tra il servizio educativo o la scuola e la famiglia», «per la corresponsabilità educativa che condividono, al fine di garantire il rispetto delle previste condizioni di sicurezza». Per poter assicurare una adeguata riapertura del sistema 0-6, sarà fondamentale costruire «un percorso volto a coinvolgere i genitori attraverso un patto di alleanza educativa finalizzato al contenimento del rischio». In considerazione della necessità di ridurre i rischi di contagio è «opportuno evitare di portare negli spazi delle attività oggetti o giochi da casa; se inevitabile devono essere puliti accuratamente all’ingresso». Viene raccomandata «una frequente e adeguata aerazione degli ambienti» scolastici e «per la refezione scolastica» si «dovrà fare riferimento alle indicazioni previste per la frequenza in sicurezza delle attività educative e di istruzione». È consentito «portare il necessario per il momento della merenda purché la struttura non preveda di fornirlo e purché l’alimento, la bevanda e il contenitore siano sempre facilmente identificabili come appartenenti al singolo bambino» si legge nelle linee guida. «Lo spazio riposo, laddove presente, deve essere organizzato garantendo una pulizia approfondita della biancheria e degli spazi e una corretta e costante aerazione, prima e dopo l’utilizzo. Analogamente agli altri istituti scolastici di ogni ordine e grado ed alle aule e strutture universitarie, all’ingresso non è necessaria la rilevazione della temperatura corporea. Chiunque ha sintomatologia respiratoria o temperatura corporea superiore a 37.5°C dovrà restare a casa» concludono le linee guida.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy