Salta al contenuto principale

Quasi 1,5 milioni di italiani (2,5%)

con gli anticorpi del Coronavirus

In Trentino sono il 3,1 per cento

Primi dati dell'indagine sierologica. Oggi due nuovi contagiati con 3 ricoveri

Chiudi
Apri

ANSA

Tempo di lettura: 
4 minuti 25 secondi

Sono un milione 482 mila le persone, il 2,5% della popolazione residente in famiglia, risultate con IgG positivo, coloro che hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il SarsCov2. Quelle che sono entrate in contatto con il virus sono dunque 6 volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia attrraverso l'identificaziobe del Rna virale. Sono i primi risultati dell'indagine di sieroprevalenza sul sarsCov2 illustrati da ministero della Salute e Istat

I risultati della campagna dei test sierologici sono "provvisori" e sono relativi a 64.660 persone che hanno effettuato il prelievo e il cui esito è pervenuto entro il 27 luglio. La conduzione della campagna in condizioni emergenziali non ha permesso di raggiungere completamente la numerosità originariamente programmata del campione, e pari a 150mila soggetti. Tuttavia le tecniche adottate hanno permesso la produzione di stime coerenti. sia con i dati di contagio e mortalità sia con risultati di indagini condotte a livello locale in alcune realtà del paese.

Le differenze territoriali nell’ambito dell’indagine di sieroprevalenza sullo sviluppo degli anticorpi al SarsCov2 nella popolazione sono molto «accentuate» e la Lombardia raggiunge il massimo con il 7,5% di sieroprevalenza, ossia 7 volte il valore rilevato nelle regioni a piu bassa diffusione soprattutto del Mezzogiorno. Al secondo posto c'è la valle d'Aosta con il 4% poi Provincia di Bolzano con il 3,3% e Provincia di Trento con il 3,1%.

Emerge dai primi risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza diffusi da ministero della Salute e Istat.

La prevalenza dello sviluppo di anticorpi al SarsCov2 è simile per tutte le classi di età ma il livello piu basso all’1,3% è per i bambini piccoli e per gli anziani è a 1,8% e “cio forse perchè c”è un effetto di protezione dei familiari per questi segmenti”. Gli operatori della sanità sono i più colpiti, con il 9,8% e gli addetti alla ristorazione superano il 4%. Non emergono differenze di genere.Lo ha detto la direttrice Istat Linda Sabbadini illustrando l’indagine di sieroprevalenza ministero Salute-Istat.

“Gli asintomatici arrivano al 27,3% che non è una quota bassa. Quindi è molto importante la responsabilità individuale e il rispetto delle misure”. Lo ha affermato la direttrice dell’Istat Linda Sabbadini presentando al ministero l’indagine di sieroprevalenza. I tre sintomi piu diffusi sono “febbre, tosse e mal di testa. Inoltre, perdita del gusto e dell’ollfatto sono piu associate” all’infezione. 

«Il dato 2,5% di sieroprevalenza puo sembrare piccolo ma può trasformarsi in qualcosa di problematico se non rispettiamo la prudenza». Lo ha detto il presidente Istat Gian Carlo Blangiardi presentando al ministero della salute i dati dell’indagine di sieroprevalenza , insieme al ministro Roberto Speranza.
Il dato di «2,5% medio si sieroprevalenza sembra poco, ma è la variazione territoriale che è l’elemento importante. Ciò vuol dire che probabilità di incontrare una persona positiva è di 2,5: se incontro 20 persone, ho il 50% di possibilità - ha concluso - di incontrare una persona positiva».

Intanto oggi sono 159 i contagi da Covid nelle ultime 24 ore in Italia, in ulteriore calo rispetto al giorno precedente (ieri erano stati 239). Secondo i dati del ministero della Salute aumentano però le vittime, che sono 12 (ieri erano state 8). I tamponi effettuati sono stati appena 24.036, quasi 20 mila meno di ieri, con il consueto netto calo della domenica.

In Trentino ci sono due nuovi positivi. Sono 2 i nuovi casi di contagio da Covid 19 rilevati dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari che anche oggi offre il consueto aggiornamento sull’andamento della pandemia in Trentino. Il dato che colpisce oggi è quello dei ricoveri in ospedale: sono 3 e, benché nessuno si trovi in terapia intensiva, l’aumento dei pazienti ospedalizzati va inteso anche come segnale della pericolosità del virus che è ancora ben presente e contro il quale è necessario osservare le regole previste dalle ordinanze, a cominciare dall’igiene delle mani, all’uso delle mascherine e al distanziamento.
Nessuno dei casi nuovi riguarda minorenni. Resta fortunatamente a quota zero la situazione dei decessi. Per quanto riguarda i tamponi, come spesso accade in concomitanza con le domeniche, il numero delle analisi si riduce: 385 i tamponi analizzati ieri, tutti nel laboratorio di Microbiologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento.

Cinque regioni non fanno registrare nuovi casi: Marche, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Valle d'Aosta e Basilicata. I contagiati totali sono ora 248.229, le vittime 35.166. Sono 200.589 (+129 rispetto a ieri) i guariti. Sono invece 41 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Aumentano i ricoverati con sintomi, che sono ora 734 (+26). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.699 (-7), gli attualmente positivi 12.474 (+18).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy