Salta al contenuto principale

Covid, nuovi focolai: 6 casi in una casa-vacanze, un bimbo della scuola materna di Lavis e tre commessi dell'MD di Levico

Ed un turista laziale tornato a Roma dal Trentino è risultato positivo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

Il Covid-19 entra anche nelle scuole materne del Trentino. Qualche linea di febbre per più giorni ed un bambino che frequenta la scuola dell’Infanzia Madre Maddalena di Canossa di Lavis si sottopone al tampone, che dà esito positivo.

Di conseguenza l’Azienda sanitaria ha messo subito in moto la procedura e tutta la sezione, compresi i genitori del bambino e le due maestre, sono state messe in quarantena fino alla serata di lunedì.

Una settimana in quanto le procedure, seguite dall’istituto lavisano in modo preciso e scrupoloso, hanno permesso di identificare ben presto il problema. Nessun altro bambino della medesima sezione ha accusato altri sintomi né attacchi febbrili. Se fino a lunedì sera nessuno dei compagni di classe né le maestre accuseranno sintomi, da martedì mattina tutti i bambini potranno tornare liberamente a frequentare la scuola d’infanzia. La situazione nella struttura lavisana è molto tranquilla e sotto controllo.

Meno tranquilla la situazione di altri due focolai: ieri erano 20 i nuovi casi positivi da Coronavirus rilevati ieri in Trentino su 621 tamponi analizzati di cui 573 dall’Azienda sanitaria e 48 dalla Fondazione Mach.

Fra questi è che è stato individuato un nuovo focolaio con 6 casi, nel settore del turismo, in una casa di accoglienza. L’Azienda sanitaria non precisa dove si trovi localizzata, ma assicura che si stanno adottando tutte le misure del caso per circoscrivere il focolaio, come negli altri casi.

Tra i contagi riconducibili al Trentino ce n’è anche uno registrato tra i 26 della Asl Roma nelle ultime 24 ore. Era un laziale trovato positivo di rientro dalla nostra Provincia.

Domenica scorsa, invece, è stata riscontrata la positività di una dipendente nel reparto ortofrutta del supermercato MD di Levico. Il supermercato è stato chiuso per alcune ore nel pomeriggio di domenica per provvedere alla sanificazione e quei commessi o altri dipendenti che hanno avuto contatti con la commessa positiva sono stati messi in quarantena e sottoposti a tampone. Nonistante questo, dopo ulteriori controlli con i tamponi, altri due dipendenti sono risultati positivi e sono stati posti in isolamento a domicilio.

Il supermercato di Levico è stato poi regolarmente riaperto con la presenza di commessi fatti venire da altre filiali di MD.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy