Salta al contenuto principale

Autobus e treni affollati?

Tante segnalazioni, la Provincia:

«Tutto nei limiti del decreto»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

La decisione della ministra De Micheli di tenere la capienza massima dei mezzi pubblici all’80%, ritenendo di fatto non pericolose per un possibile contagio le condizioni su cui viaggiano studenti e pendolari non tranquillizza gli utenti disorientati davanti alle rigide regole imposte a scuola (distanziamento, mascherina, misurazione della temperatura) da una parte e la realtà che ogni giorno vivono alle fermate e sui mezzi.

 

Ne ha parlato ieri Roberto Andreatta, il "Mobility manager" della Provincia, il quale ha parlato di «un florilegio di foto di mezzi affollati che ci vengono inviati tutti i giorni da genitori preoccupati». Ma secondo il dirigente, non c'è da preoccuparsi.

«La situazione identica in tutte le realtà, la capacità dell’80% prevista dal Comitato scientifico insieme al Dpcm delle Stato è stata recepita anche sul nostro territorio - ha spiegato Andreatta - . Non siamo insensibili alle tante segnalazioni che riceviamo su asseriti assembramenti sugli autobus ma posso garantire che i controlli sono rigorosi».

Andreatta fa riferimento - ad esempio - alle 19 corse che da Riva, Madonna di Campiglio e dalla valle dei Laghi arrivano al Bus de Vela e sulle quali è stato accertato un carico massimo del 62% e alle 33 corse che giungono dalla Valsugana che hanno un carico 70%, quindi dentro i limiti.

«Vero è che un autobus al 70% all’esterno viene visto come un autobus pieno, ma il comitato scientifico fino ad ora ha ritenuto che la soglia di tollerabilità, tenuto conto delle mascherine per tutti, dell’areazione e della brevità della tratta soprattutto in ambito urbano, possa consentire sino a 5 metro quadro. Noi non raggiungiamo questa cifra e quindi, in questa fase, dobbiamo tranquillizzare le famiglie e tutti quelli che ci mandano foto con ragazzi attaccati perché queste soglie sono previste a avallate dal comitato scientifico».

Ora da più parti, anche per scongiurare l’ipotesi di didattica a distanza per i ragazzi più grandi, viene chiesto di studiare una maggiore differenziazione soprattutto degli orari di uscita dalle scuola che sono quelli dove sono state segnalate le maggiori criticità.

DITE LA VOSTRA: VOTATE IL NOSTRO SONDAGGIO

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy