Salta al contenuto principale

Il bilancio dell'Arcidiocesi:

in rosso per 433 mila euro

(con patrimonio di 76,5 milioni)

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

Il bilancio del 2019 dell’Arcidiocesi di Trento si chiude con una perdita di 433.569 euro, sensibilmente inferiore a quella registrata nel 2018, pari a 2.293.586 di euro. Il risultato beneficia di rivalutazioni e utili realizzati sugli investimenti finanziari di 1.767.590 euro. Il dato emerge dal bilancio della diocesi e degli enti afferenti, pubblicato per il terzo anno consecutivo e distribuito alle comunità parrocchiali.

Le immobilizzazioni, al netto degli ammortamenti, rappresentano l’86% del totale attivo di 110,7 milioni di euro, e sono dovute per 37 milioni a terreni e fabbricati strumentali e per 26 milioni a terreni e fabbricati non strumentali. Le immobilizzazioni di natura finanziaria sono pari a 29 milioni (-7% rispetto al 2018).

Il patrimonio netto di Arcidiocesi si attesta a 76,5 milioni euro, in crescita del 3% rispetto al 2018. I contributi ricevuti dalla Cei rappresentano il 16,2% dei ricavi totali; le tasse diocesane e le entrate da attività pastorali il 5,6%; i contributi da privati ed enti il 36,4%; i contributi pubblici su immobili il 12,2%; i ricavi dalla gestione del patrimonio immobiliare il 12,2%; i ricavi finanziari il 20,9%; altri ricavi il 26%.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy