Salta al contenuto principale

Dalla Lav diffida a Fugatti:

"liberate l'orso di Andalo

è prigioniero illegalmente"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

Lav ha inviato una nuova diffida al presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, per chiedere la liberazione dell’orso M57 dal recinto del Casteller: l’orso aveva aggredito un carabinieri ad Andalo, in Trentino, il 22 agosto scorso. Secondo l’associazione animalista, che chiede il sostegno dei consiglieri provinciali trentini, sarebbero riscontrabili una serie di violazioni: violazione dei principi sulla protezione della biodiversità; violazione della strategia europea della biodiversità del 21 maggio 2020; violazione della convenzione di Berna ratificata in Italia nel 1981; violazione della direttiva habitat; violazione del d.p.r. 8 settembre 1997 n. 357; violazione della legge provinciale del Trentino 11 luglio 2018, n. 9; violazione degli artt. 544 ter, 727, 624 e 625 comma 7 c.p.; procurato danno erariale.
«M57 è recluso al Casteller in condizioni di grave stress psico-fisico - dichiara Massimo Vitturi, responsabile Lav, Animali Selvatici - abbiamo quindi nuovamente denunciato il presidente Fugatti alla Procura della Repubblica, inviandogli anche una diffida perché provveda all’immediata liberazione dell’orso».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy