Salta al contenuto principale

Schianto in A22, la vittima è un giovane operaio moldavo: ha tamponato un Tir

L'uomo era alla guida di un furgone che è finito contro un mezzo pesante in coda per un restringimento di carreggiata legato ad un cantiere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

E' un operaio moldavo di 31 anni, Victor Vitaly Colodi, la vittima del gravissimo incidente di questa mattina sull'A22, a nord di San Michele all'Adige. 

Il tragico schianto è avvenuto in carreggiata nord, al chilometro 105, già nel comune di Egna, in Alto Adige.

Secondo le ricostruzioni, l’incidente mortale è stato causato dal tamponamento del furgone guidato dall'uomo contro il rimorchio di un Tir. Per l'operaio moldavo non c'è stato nulla da fare: era deceduto sul colpo e non sono bastati gli immediati soccorsi, con la Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e l'immediato intervento di una autoambiulanza e dell'equipe medica di rianimazione con l'elicottero dei Vigili del Fuoco di Trento.

Il Tir era fermo in colonna per un restringimento di carreggiata legato ai lavori su un cantiere, quando è stato tamponato dal furgone: sulla strada, nessun segno di frenata. Anche gli ultimi quattro incidenti mortali avevano avuto una dinamica simile.  

L'allarme è scattato poco dopo le 8.30, il traffico è stato interrotto a lungo durante le operazioni di soccorso e di recupero dei mezzi coinvolti nell'incidente.

Per i soccorsi sono intervenuti l'elicottero e un'ambulanza, ma purtroppo per la persona coinvolta, 31 anni, non c'era più niente da fare.

Sul posto anche la polizia stradale e i vigili del fuoco.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy