Salta al contenuto principale

Mortalità a Trento: dicembre +109%

Uno dei peggiori dati d'Italia

(dove invece i decessi sono in calo)

Solo tre capoluoghi veneti peggio di noi, la domanda: perché?

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 45 secondi

Il dicembre nero del Covid in Trentino si traduce in un numero: nel comune di Trento l’eccesso di mortalità è salito al 109%, la seconda percentuale più alta in Italia dopo Verona (142%). E, purtroppo, si tratta di una percentuale in crescita: a ottobre 36% in più, a novembre 96% e, appunto, a dicembre 109%. Il tutto mentre negli altri comuni italiani si registrava un deciso calo.

I dati emergono dal rapporto elaborato dal Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie, pubblicato dal Ministero della Salute e che aggiorna i numeri del 2020 fino al 29 dicembre scorso.

Nel dettaglio le tabelle che riguardano il comune di Trento, e quindi non tutto il Trentino, mostrano una situazione decisamente critica. In ottobre i decessi attesi erano 73, stando alle medie dei cinque anni precedenti, ma ce ne sono stati 99. A novembre si è passati da 74 attesi a praticamente il doppio, ovvero 145, mentre il picco è stato appunto a dicembre (in realtà dall’1 al 29, quindi il totale potrebbe essere leggermente maggiore), con 157 vittime a fronte delle 75 attese. Il totale in tre mesi è stato di 318 vittime a fronte di un numero teorico di 157. Nello studio del ministero sono registrate anche le fasce d’età: si sono spente 21 persone entro i 64 anni, 25 tra i 65 e i 74, 93 tra i 75 e gli 84 e 179 over 85.

Se a livello nazionale a dicembre si è registrato un calo dell’eccesso di mortalità, Trento va purtroppo in controtendenza. A differenza, ad esempio, del comune di Bolzano, dove il picco è stato raggiunto a novembre (+129%) per poi scendere a dicembre (56%). Nel capoluogo altoatesino, dopo un ottobre simile a quello trentino (105 decessi osservati su 80 attesi, 31%) e un novembre appunto da incubo (181 vittime su 79 attese), lo scorso mese il calo è stato importante, con la percentuale al 56% (137 morti su 88 attesi).

Anche a livello nazionale l’andamento è simile a quello altoatesino: +23% di mortalità ad ottobre, +74% a novembre e +38% a dicembre. Cosa è successo, quindi, a Trento? O, meglio, cosa non è successo? Da una prima analisi emerge che le città dove ci sono state maggiori restrizioni, ovvero zona arancione o rossa, hanno avuto un calo dell’eccesso di mortalità. Bolzano, ad esempio, è stata zona rossa per praticamente tutto il mese di novembre, con gli effetti sui decessi che si sono visti il mese successivo (come detto da un +129% a un +56%). Non avremo mai una risposta sicura, ma se Bolzano fosse rimasta in giallo forse la percentuale non sarebbe scesa e in Alto Adige si piangerebbero - circa - una cinquantina di persone in più.

Anche l’ex rettore Davide Bassi, nel suo popolarissimo blog, indica le restrizioni come chiave di lettura dei numeri: «A dicembre solamente tre città venete - Verona, Padova e Venezia - e Trento hanno un andamento opposto al resto d’Italia, con la mortalità aumentata. Veneto e Trentino, lo ricordo, erano gli unici territori del nord rimasti sempre zona gialla. Anche questi dati ci confermano che per limitare la circolazione del virus (ed i conseguenti decessi) bisogna ridurre la mobilità delle persone. Come ormai riconosciuto da molti esperti le zone gialle sono servite a ben poco (solo pesanti danni economici, con limitati vantaggi per la salute pubblica).

Una domanda sorge spontanea: sappiamo come ha fatto il Trentino a rimanere zona gialla malgrado gli elevati livelli di circolazione del virus osservati a partire da novembre. Qualcuno sarà mai chiamato a rispondere di queste scelte?».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy