Salta al contenuto principale

Ultimi giorni di freddo intenso: da mercoledì

cambia, il prossimo weekend tornano le nevicate

Tutto il Trentino imbiancato, e non è finita

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

Ancora alcuni giorni di freddo, poi il tempo peggiorerà, portando nuvole e qualche precipitazione.

E' lo scenario per i prossimi giorni, dopo un weekend "gelido" sul Trentino.

Le previsioni di Meteotrentino parlano chiaro: «Fino alle ore centrali di mercoledì prevarranno condizioni di stabilità con freddi flussi settentrionali a tratti intensi. Da mercoledì sera a venerdì sera afflusso di aria più umida ed instabile da sudovest».

Oggi 17 gennaio giornata di nuvolosità variabile ed irregolare con possibili brevi bufere di neve sui rilievi settentrionali e schiarite via via più ampie sui settori centromeridionali. Temperature senza notevoli variazioni. Venti in intensificazione fino a forti settentrionali in quota e con locali condizioni di foehn in valle.

Domani, lunedì 18 gennaio, molto soleggiato. Temperature senza notevoli variazioni. Venti forti settentrionali in attenuazione in quota. In valle deboli o localmente moderati settentrionali.

Anche martedì 19 gennaio schiarite al mattino ed annuvolamenti dal pomeriggio. Temperature minime in calo, massime senza notevoli variazioni. venti deboli o moderati occidentali in quota, deboli variabili in valle.

Ma poi si cambia: mercoledì annuvolamenti con deboli precipitazioni dal pomeriggio sera, inizialmente nevose anche a quote basse. Giovedì e venerdì precipitazioni diffuse con quota neve in aumento fino a 1000 m circa.

Commenta, sulla sua pagina Facebook, Giacomo Poletti: 

Il peggioramento di mercoledì pomeriggio partirà fiacco ma all’inizio potrebbe nevicare anche a Trento: in caso pochi centimetri, con precipitazioni deboli anche giovedì, forse più abbondanti venerdì. Nel frattempo entrerà aria tiepida con neve in risalita almeno a 800/1000 m sul sud Trentino. Più freddo invece in val di Non e Sole, dove la neve potrebbe “resistere” di più: da capire quanto.

Il manto nevoso: a 2000 m ci sono da 120 a 180 cm di neve. Oggi ancora 20 cm residui a Trento (imbiancata dal 28 dicembre) e punte oltre i 40 cm sul fondovalle della Valsugana.

Dal satellite è ’ evidente il flusso da nord che supera le Alpi dove sono più basse, verso la Stiria, creando delle nubi orografiche sull’Austria orientale. Il flusso condensa sulle Alpi dinariche, scende comprimendosi e asciugandosi sulla costa croata, prima di pescare nuova umidità dall’Adriatico formando quelle caratteristiche strisce convettive a forma di “onde” che stanno facendo piovere in Abruzzo e Puglia. Sul lato tirrenico l’aria tende di nuovo a scendere e ad asciugarsi. La massa fredda raggiunge l’Africa prendendo umidità sul mare.

[Nella foto, inviataci da Giampaolo Rizzonelli, il Trentino visto dal satellite NASA Worldview: tutto bianco, a parte i laghi]

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy