Salta al contenuto principale

«La morte di freddo di un senzatetto svela che il problema c’è, ma per Segnana va tutto bene: si dimetta»

Duro atto d'accusa dell'Assemblea Antirazzista

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

Sulla morte per assideramento di un uomo senza fissa dimora, di 57 anni, trovato privo di vita nei giorni scorsi all’interno dell’ex macello di Mori, interviene l’Assemblea antirazzista di Trento, denunciando la presenza ancora numerosa di persone costrette a dormire in strada. Una foto, scattata alla stazione ferroviaria di Trento in questi giorni e pubblicata dal gruppo, ne ritrae diverse, accampate con coperta o sacco a pelo, nel piazzale di ingresso dello scalo.

«Secondo l’assessora Segnana nessuna persona dormirebbe in strada grazie al lavoro e all’impegno della Provincia. Falsità belle e buone», sostiene l’assemblea. «Nella realtà le persone muoiono di freddo. Due sono le possibilità: dare le dimissioni oppure già oggi l’assessora dovrebbe far aprire un’altra struttura».

Sulla tragedia interviene anche il gruppo di lavoro del progetto «Un sacco bello», spazio custodito per il deposito di zaini e sacchi a pelo e dove i senza fissa dimora possono trovare piccoli aiuti e conforto.

«È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra - dicono - rinomata per la qualità di vita che le permette di stare sul podio da diversi anni. Purtroppo ci sono ancora persone che continuano a dormire fuori al freddo. Anche perché i posti letto messi a disposizione continuano a essere insufficienti».

Dal gruppo aggiungono: «Finché non si esce dalla logica emergenziale dei posti letto nei dormitori, finché la Provincia e le istituzioni competenti non affrontano la questione dei senzatetto e della casa facendo gli opportuni distinguo e pianificando un sistema virtuoso per dare una risposta definitiva al problema e, non in ultimo, finchè si continuerà a delegare sempre maggiori responsabilità al mondo del volontariato, saremo sempre immersi in questo ciclo. Sono anni che i posti letto non sono sufficienti, si ricorre sempre per metterci la toppa che non è mai abbastanza grande per coprire il buco».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy