Salta al contenuto principale

In Italia prezzi in calo, ma in regione aumentano

Codacons: «Trentino Alto Adige in controtendenza

L'anno scorso media nazionale a -0,2%, qui +0,7%»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 55 secondi

Nel 2020 il Trentino Alto Adige è stata la regione con l’inflazione più alta d’Italia. Lo afferma il Codacons, commentando i dati definitivi sui prezzi al dettaglio diffusi stamane dall’Istat.

«Mentre i listini sono calati mediamente del -0,2% in Italia, il Trentino Alto Adige fa registrare numeri in controtendenza, con i prezzi che salgono rispetto al 2019 del +0,7% - spiega in una nota il presidente Carlo Rienzi - Nessun’altra regione registra una crescita così sostenuta dei listini, con la Campania e l’Umbria che si fermano al +0,4%: i livelli di inflazione del Trentino Alto Adige hanno determinato nel 2020 una maggiore spesa su base annua mediamente pari a +251 euro per nucleo familiare residente, contro un risparmio medio di circa -60 euro su base nazionale».

«Ancora una volta il Trentino Alto Adige si conferma la regione italiana dove i prezzi crescono di più rispetto al resto del paese, una dinamica registrata nonostante l’emergenza Covid che, in altre aree d’Italia, ha avuto effetti pesanti sui prezzi al dettaglio, affossando i listini», conclude il presidente Rienzi.

A livello generale, dunque, Italia ancora in deflazione.

A dicembre 2020 si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,2% su base mensile e diminuisca dello 0,2% su base annua (come nel mese precedente); la stima preliminare era -0,1%.

In media, nel 2020 i prezzi al consumo registrano una diminuzione pari a -0,2% (da +0,6% del 2019). Al netto degli energetici e degli alimentari freschi (l’«inflazione di fondo»), i prezzi crescono dello 0,5% (come nel 2019) e al netto dei soli energetici dello 0,7% (da +0,6% del 2019).

L’inflazione rimane negativa per l’ottavo mese consecutivo, a causa dei prezzi dei Beni energetici (-7,7%, da -8,6% del mese precedente) il cui calo meno marcato, insieme con quello dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da -1,6% a -0,7%), è però compensato dal rallentamento dei prezzi degli Alimentari non lavorati (da +3,2% a +1,6%).

L’«inflazione di fondo», al netto degli energetici e degli alimentari freschi, accelera a +0,6% (da +0,4% di novembre) e quella al netto dei soli beni energetici rimane stabile a +0,6%.

L’aumento congiunturale dell’indice generale è dovuto alla crescita dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (+1,9%) e dei Servizi relativi ai trasporti (+1,8%), solo in parte compensata dalla diminuzione dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (-1,0%).
I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona dimezzano la loro crescita su base annua a +0,6% (da +1,2%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto sono stabili a -0,3%.

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,2% su base mensile e diminuisce dello 0,3% su base annua (come a novembre), confermando la stima preliminare. La variazione media annua del 2020 è pari a -0,1% (era +0,6% nel 2019).
L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% su base mensile e una diminuzione dello 0,2% rispetto a dicembre 2019. La variazione media annua del 2020 è pari a -0,3% (era +0,5% nel 2019).

«Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d’anno (-0,2%) è la terza registrata a partire dal 1954, da quando cioè è disponibile la serie storica dell’indice NIC (-0,4% nel 1959, -0,1% nel 2016).

Analogamente a quanto accaduto nel 2016 e a differenza di quanto verificatosi nel 1959 (quando fu dovuta anche ad altre tipologie di prodotto), la variazione annua negativa dell’indice NIC è imputabile prevalentemente all’andamento dei prezzi dei beni energetici (-8,4% rispetto al 2019) al netto dei quali l’inflazione rimane positiva e in lieve accelerazione rispetto all’anno precedente».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy