Salta al contenuto principale

Oggi giornata di preghiera e digiuno

indetta dal Papa, con l'invito

a tutte le religioni del mondo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

"La preghiera è il modo per comunicare e ascoltare Dio, e con questo spirito ho accolto l'invito dell'Alto Comitato per la Fratellanza Umana per dedicare la giornata del 14 maggio, alla preghiera, al digiuno e alle opere di carità. Uniamoci come fratelli per chiedere al Signore di salvare il mondo dalla pandemia". Lo ha detto il Papa nell'udienza generale. Domani sarà una giornata di preghiera per tutte le religioni. 

"La preghiera appartiene a tutti: agli uomini di ogni religione, e probabilmente anche a quelli che non ne professano alcuna. La preghiera nasce nel segreto di noi stessi, in quel luogo interiore che spesso gli autori spirituali chiamano 'cuore'", ha detto ancora Papa Bergoglio nell'udienza generale, trasmessa in streaming dalla Biblioteca del Palazzo apostolico, proseguendo le catechesi sulla preghiera. Dio "non conosce l'odio, è odiato ma conosce solo amore: questo è il Dio al quale preghiamo", ha aggiunto.

All'appello hanno già aderito numerose confessioni religiose d'Italia, a cominciare dall'Unione dei musulmani Ucoii.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy