Salta al contenuto principale

I corsi sul rispetto dei generi

per Segnana «creano confusione

ai bambini». Ghezzi: «Assurdo»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Si deve «insegnare il rispetto a 360 gradi fin dalle elementari. Però i corsi sull’identità sessuale creano confusione nei bambini e le famiglie non condividono progetti su temi che riguardano l’educazione familiare». Lo ha detto l’assessora provinciale Stefania Segnana rispondendo in Consiglio provinciale ad una interrogazione a risposta immediata del consigliere provinciale di Futura, Paolo Ghezzi.

Il capogruppo di Futura aveva chiesto in base a quali informazioni o teorie o visioni socioculturali la Giunta ha deciso che in Trentino non esiste più il pericolo che ragazze e ragazzi, donne e uomini vengano offesi o discriminati a causa del loro orientamento sessuale o della loro provenienza o della loro fede religiosa, eliminando il finanziamento alle iniziative contro l’omofobia e le discriminazioni di genere.

L’assessora Segnana - riferisce una nota del Consiglio provinciale - ha risposto affermando che la Giunta ha definito nuovi criteri per i contributi per le attività previste dalla legge 13, puntando soprattutto sulla discriminazione delle donne, della parità donna - uomo e di contrasto alla violenza sulle donne come previsto dal programma di legislatura. Una scelta - ha aggiunto Segnana - in coerenza della legge provinciale. L’assessora ha precisato che sono state definite le aree prioritarie, cioè il contrasto alla discriminazione delle donne, alla violenza sulle donne, che purtroppo, come dimostrano i fatti recenti, è di stretta attualità, i tempi di lavoro e vita, l’occupabilità delle donne e il valore sociale della maternità.

Per nulla soddisfatto, Ghezzi ha ribadito che «si continua in una linea in contrasto con le direttive Onu e Ue a perseguire una linea polemica nei confronti del cosiddetto gender».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy