Salta al contenuto principale

Famiglie numerose in allarme:

"Gli aiuti per fare la spesa

penalizzano chi ha più figli"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 29 secondi

Belle le famiglie numerose. Ti danno sempre una sensazione di gioia. Fino a quando non c’è la crisi. Fino a quando l’unico componente della famiglia che lavora si vede drasticamente ridotto se non azzerato lo stipendio.

E allora ecco che arrivano gli aiuti, come l’assegno familiare nazionale, con il quale, però difficilmente questi nuclei familiari riusciranno ad arrivare a fine mese.

«Questa mattina ho fatto un esperimento con mia figlia improvvisandomi maestro di matematica. A fine esercizio mi ha chiesto: papà, perché noi per mangiare spendiamo così poco rispetto a uno come lo zio? Avete appena letto il messaggio inviatoci da un nostro associato», scrivono Luca De Fanti e Martina Stenico, Coordinatori regionali del Trentino Alto Adige aggiungendo.«Provocatoriamente potremmo sintetizzare in: ai single carne, verdura e frutta; alle famiglie numerose pasta, riso e patate».

Il provvedimento per aiutare quei trentini che in questo periodo hanno visto ridursi il loro reddito prevedono infatti 40 euro a settimana per una persona, 60 euro per due familiari, 80 euro per tre familiari e 100 euro per 4 o più persone. «Ancora una volta le famiglie numerose saranno vittime della famosa economia di scala, che vorrebbero farci credere che un pollo mangiato in quattro è la stessa cosa che dividerlo in cinque, sei e più. È pur vero che la stragrande maggioranza delle nostre famiglie associate sono cattoliche praticanti e che in periodo di Quaresima fanno delle rinunce, ma di fronte al laicismo istituzionale vorremmo essere considerati al pari di tutti».

I rappresentanti delle famiglie numerose fanno inoltre presente alcuni aspetti che da chi ha pensato l’assegno familiare non sono stati considerati. Innanzitutto che prima della chiusura scolastica legata al Coronavirus i figli non mangiavano sempre a casa. Spesso si fermano a scuola o all’asilo con prezzi ridotti. Adesso, inoltre, la spesa nei negozi di paese è spesso più costosa, soprattutto per una famiglia numerosa che ovviamente acquista un quantitativo più ingente di prodotti. A questo vanno aggiunte anche le nuove spese scolastiche di cartoleria e legate alla cartucce per stampante che per una famiglia con uno o due figli sono poca cosa, ma quando i figli sono tanti il discorso è diverso. Infine ci sono le spese per le bollette e l’accensione di contratti internet per riuscire a seguire lezioni e altro.
«Purtroppo lo Stato, ancora una volta non ha considerato le famiglie, ma bensì solo i meri lavoratori. Questo si vede perché la cassa integrazione o il contributo p.iva verrà erogato in modo indistinto ad ogni lavoratore, che esso sia single o che esso abbia a carico 4/5/6/7 figli. Non hanno considerato in alcun modo quante persone devono vivere con quello stipendio. Per il DL cura Italia una coppia con unico figlio e due genitori lavoratori può accedere a babysitter o congedi, una famiglia con 4/5/6/7 figli con un genitore a casa non può accedere a nulla. Gestire a casa tanti figli con tutto il carico gestionale, didattico, domestico che comportano è uguale a gestirne uno?». Domande ai quali le famiglie numerosi chiedono risposte.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy