Salta al contenuto principale

Il PD attacca il capo di Gabinetto di Bisesti: è vero che è trumpista e posta sui social i simboli della setta QAnon?

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 38 secondi

Il consigliere Luca Zeni, del gruppo del Partito democratico in Consiglio provinciale di Trento, ha depositato oggi un’interrogazione in Consiglio provinciale per sapere se la Giunta provinciale di Trento è a conoscenza delle posizioni del capo di gabinetto dell’assessore provinciale alla cultura, istruzione e università Mirko Bisesti.
Il capo di gabinetto, a quanto riportato da Zeni, ha condiviso sui propri profili social il simbolo «Q», della setta complottista «QAnon», e - sempre a detta del consigliere - pareri ritenuti «sconcertati in relazione al ruolo istituzionale ricoperto, su questioni locali, come la mancata realizzazione dei mercatini di Natale, imputabile ad un scelta talmente anticristiana da meritare gli inferi, o su temi internazionali, come la presenza di Gesù alle spalle di Trump durante gli scrutini delle elezioni presidenziali americane».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy