Salta al contenuto principale

«A Trento Nord serve il tram»

Mobilità, Brugnara (Pd) deluso

dal neoassessore Facchin

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

È rimasto stupito, alla lettura della prima intervista del neo assessore alla mobilità e alla transizione ecologica, Ezio Facchin. Si dice stupito, Michele Brugnara , per la posizione sulla tramvia di Trento Nord. Brugnara, da consigliere comunale del Pd, nella passata consiliatura, ha sempre sollecitato, spesso inascoltato, l'amministrazione comunale a cambiare passo in materia di mobilità. «Il progetto del tram, messo al primo posto dell'agenda programmatica del sindaco Ianeselli» dice «non è una mera questione trasportistica».
Consigliere Brugnara, come valuta le prime dichiarazioni del nuovo assessore Facchin?
«Facchin è un tecnico di alto valore, con competenze indiscutibili in materia di trasporti, riconosciute da tutti, in particolare riguardo al tunnel del Brennero, alle tratte di accesso e alla circonvallazione ferroviaria di Trento. La giunta, è indubbio, ha al suo interno una persona molto competente. Ho però letto con sorpresa il suo primo documento e l'intervista».
Sorpreso perché?
«La tramvia, nel documento, non è citata: questo stupisce».
L'ingegner Facchin ha però spiegato con chiarezza che il cardine è il grande progetto integrato di interramento e circonvallazione ferroviaria e che ciò che conta è un collegamento forte tra piazza Dante e Trento Nord: che questo collegamento sia un tram o super bus, vale a dire un metrobus, lo si valuterà...
«Bene, il ragionamento che parte dello scheletro dell'interramento del boulevard. Ma questo ha a che fare con la Trento del 2050. Noi dobbiamo invece anche pensare a breve-medio termine, alla Trento fra 5-10 anni, su due fronti: trasporto pubblico e mobilità dolce».
In concreto, cosa significa?
«Che, per quanto riguarda il trasporto pubblico, il tram non è solo una risposta trasportistica. La tramvia è un grande tema urbanistico. Trento Nord ha un futuro se ci sarà una tramvia di qualità, non un metrobus o super bus. Attenzione: il metrobus è nel programma. È una "Lam", una linea ad alta mobilità, con frequenze ogni 10 minuti, con autosnodati magari ibridi. Il metrobus, secondo i tecnici, lo si può fare in 6-12 mesi, ma non comporta una riqualificazione urbanistica , che nemmeno si fa con il Nordus (prolungamento e interramento della Trento-Malé, ndr): linea distante dai quartieri popolosi e dai centri commerciali. Un servizio di collegamento extraurbano, non urbano. La tramvia, invece, è concepita dal programma del sindaco per ridare dignità ai quartieri nord».
E per la mobilità dolce cosa si aspetta?
«Mobilità dolce è avere attenzione non solo alle grandi opere, ma anche a quelle immediate. Vuol dire raccordare, in rete, le piste ciclabili, realizzare i 200 metri di collegamento tra piazza di Fiera e corso 3 Novembre: lo si può fare in tre mesi. Vuol dire istituire le "Zone 30", come hanno subito fatto a Reggio Emilia, nella zona universitaria di via Verdi, via Rosmini, via Giusti: il traffico va portato su via Sanseverino... Oggi, a Trento, gli spazi sono occupati in prevalenza da auto in sosta o in transito. Non serve attendere il Biciplan o il Pums, per questi interventi. Importante, pure, è farli coinvolgendo i cittadini, associazioni e comitati, non solo le Circoscrizioni».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy