Salta al contenuto principale

Kerber regina a New York

È la nuova numero 1 al mondo

Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

Angelique Kerber è la regina degli us Open. La tedesca ha fatto suo l’ultimo Slam stagionale sul cemento di Flushing Meadows. Battuta in finale la ceca Karolina Pliskova, numero 11 Wta e 14ª testa di serie con il punteggio di 6-3, 4-6, 6-4, in due ore e sette minuti di partita. La 28enne di Brema, da lunedì nuova numero uno della classifica mondiale.

Trionfa dunque una mancina a trionfare a New York dopo Evelyn Sears (1907), Martina Navratilova (1983, 1984, 1986 e 1987) e Monica Seles (1991 e 1992). La Pliskova si consola con il best ranking: la 24enne di Louny lunedì rientrerà tra le top ten andando ad accomodarsi sulla sesta poltrona.

A New York la Kerber ha conquistato il decimo trofeo in carriera su 24 finali disputate: in questa stagione, oltre gli Us Open, Angelique ha vinto Australian Open (primo Slam in carriera, battendo Serena) e Stoccarda (dove ha bissato il titolo del 2015) mentre ha perso a Brisbane (battuta da Azarenka), Wimbledon (sconfitta da Serena), Giochi Olimpici di Rio (un ko inatteso e doloroso contro la portoricana Monica Puig) e Cincinnati (stoppata dalla Pliskova).

«Sono comunque felice - ha detto Pliskova durante la premiazione - ho giocato il mio miglior tennis ma Angie ha dimostrato di essere davvero la numero uno», ha detto d’un fiato. «Sapevo che sarebbe stata una partita dura e sono orgogliosa di come l’ho giocata e di averla trascinata al terzo set. Sono molto soddisfatta per come ho giocato in tutte queste due settimane».

«È straordinario: due Slam in una stagione - ha invece commentato la Kerber - Questo è l’anno migliore della mia carriera - ha confessato ringraziando il pubblico - È fantastico aver vinto qui dove tutto è cominciato. Voglio congratularmi con Karolina: quando le mi ha agganciato e superato ho cercato di rimanere concentrata su ogni singolo “quindici” ed ha funzionato. Cosa significa essere numero uno? È un sogno che avevo fin da bambina che ora è diventato realtà. Il primato in classifica ed il secondo titolo Slam (e pure un assegno da tre milioni e mezzo di dollari) nel giro di due giorni: voglio godermi ogni singolo momento».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy