Salta al contenuto principale

F1, Mugello e Imola

pronte a tornare... in pista

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi

«Le cose si stanno muovendo rapidamente, ma abbiamo ancora tempo. Abbiamo molte e diverse opzioni e siamo molto fiduciosi di avere un’ottima seconda metà della stagione, ma non ha senso fare ora delle dichiarazioni, poiché ci sono ancora alcune parti che dobbiamo mettere insieme».

Così Ross Brawn parla della seconda parte della stagione del Mondiale di Formula 1, con la possibilità di inserire altre gare europee, dato che alcuni Gran Premi potrebbero abbandonare, con Bahrain e Abu Dhabi abbastanza ben preparati per completare il calendario. «Riconosciamo che i luoghi in cui devono costruire una pista, come Baku o Singapore, hanno bisogno di più attenzione delle piste permanenti. Ogni aspetto è stato preso in considerazione e penso che possiamo avere un’ottima seconda metà della stagione. Ci saranno alcune gare che non si disputano, potrebbero essere alcune gare che abbiamo organizzato, ma ce ne sono molte in corso» aggiunge il direttore generale della Formula 1.

Una serie di piste europee sono state valutate come potenziali sedi di gare dopo le prime iniziali otto, tra cui circuiti del calibro del Mugello e Imola in Italia, Portimao in Portogallo e Hockenheim in Germania, tra gli altri. «Ci sono un certo numero di buone piste europee in cui potremmo aggiungere un’altra o due gare per assicurarci di avere una stagione completa», afferma Brawn.

«Non lo dichiareremo ancora, poiché è ancora in fase di elaborazione». Con i colloqui ancora in corso, non è chiaro quando il resto del calendario sarà reso pubblico, ma l’obiettivo è di farlo prima che la stagione inizi in Austria. «Ciò che vogliamo veramente evitare è annunciarlo e poi cambiarlo», afferma Brawn. «Dobbiamo anche annunciarlo in tempo sufficiente affinchè le persone possano fare piani. Speriamo che alcune gare nella seconda metà della stagione siano con il pubblico, quindi abbiamo bisogno di tempo per la vendita e la promozione dei biglietti».

C’è anche l’opzione Bahrain che potrebbe ospitare un doppio appuntamento, piuttosto che una sola gara, in vista del finale di stagione ad Abu Dhabi e il direttore generale di Formula 1 ha affermato che sarebbe anche possibile utilizzare due diversi schemi di circuito. «Una delle belle attrazioni del Bahrain è che ha molte configurazioni, quindi potremmo andare lì e correre su due piste diverse» afferma Brawn.

«Esiste una sorta di pista quasi ovale che sarebbe piuttosto eccitante, e tutti i layout hanno unal icenza di grado 1 con la FIA, quindi questa è un’opzione possibile. Certo l’uso di due configurazioni comporta un sacco di lavoro per i team, ad esempio i tempi devono essere impostati per due psite, quindi è necessario un sacco di preavviso. Questo è qualcosa che dobbiamo prendere in considerazione». Nonostante un calendario ridotto, Brawn crede ancora che «sarà un campionato piuttosto eccitante con un numero ridotto, quindi penso che sarà un campionato valido», dice. «Vincerà il pilota migliore. Andremo su una vasta gamma di piste e sarà un campionato valido come qualsiasi altro».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy