Salta al contenuto principale

«Sarca: pulizia ogni anno

Se serve si deve dragare»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

«Chiediamo alla Provincia una pulizia costante e annuale dell'alveo del fiume Sarca e, qualora i tecnici e gli esperti lo ritenessero necessario, anche un un'operazione di dragaggio del fiume per portare via materiale in eccesso, come facevano i nostri nonni». La richiesta arriva dal comitato di partecipazione di Oltresarca, per voce di Michele Giuliani, Aurelio Zanoni, Fabio Amistadi, Ferruccio Vecchi.

Richiesta che arriva, non a caso, a seguito dell'esondazione del fiume Sarca di sabato 3 ottobre che, anche ad Arco, e soprattutto nella frazione di Caneve, ha causato notevoli danni e disagi alla popolazione. Esondazione che ha reso necessaria una grande mobilitazione dei Vigili del Fuoco di tutto il Distretto dell'Alto Garda e Ledro nei punti critici da Dro ad Arco, per mettere in sicurezza le abitazioni che si trovano ai margini del fiume e la chiusura del ponte di Arco per motivi di sicurezza, a causa della grande massa di acqua che premeva sui piloni, nonché della strada del Linfano per l'esondazione del Sarca sulla ciclabile.

Non è la prima volta che il comitato di partecipazione dell'Oltresarca interviene su questo tema e sui pericoli di possibili esondazioni, in tempi non sospetti: già negli anni passati, aveva ripetutamente esortato Comune e Provincia ad intervenire al fine di pulire il letto del fiume e i suoi torrenti. Si può tranquillamente affermare che tali appelli si sono rivelati profetici e corretti.

«L'amministrazione, a seguito dei nostri appelli, si era attivata per pulire l'alveo del fiume attraverso i bacini montani» sottolinea Michele Giuliani.

«Era due anni fa. L'amministrazione ha fatto quello che doveva fare, quando li abbiamo sollecitati. Ma il punto è che ora la Provincia dovrebbe programmare ogni anno la pulizia del Sarca. Se dopo c'è da fare anche il dragaggio del fiume, vista la cospicua presenza di sabbia e detriti, sarà la stessa Provincia a stabilirlo. Ma bisogna fare qualcosa». Secondo il comitato di partecipazione, «sono più di vent'anni che non viene fatto il dragaggio del Sarca. Ma questo lo ripetiamo, saranno i tecnici e gli esperti a eventualmente stabilirlo. Ma la pulizia va fatta assolutamente ogni anno. Due anni fa c'erano nel letto del fiume alberi di sette e otto metri».

In particolare, segnala il comitato, «la situazione appare piuttosto preoccupante e grave all'altezza dell'Aquafil. Sollecitiamo dunque la Provincia a intervenire». Sabato 3 ottobre il fiume Sarca ha in poche ore quintuplicato la sua altezza passando dal metro registrato nella notte fra venerdì e sabato ai 5,41 metri di sabato pomeriggio. Un'escalation di cui neppure gli uomini della Protezione civile hanno memoria.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy