Salta al contenuto principale

Pieve di Bono, c'è l'intesa

Gli operai saranno pagati

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

È stato raggiunto, a Pieve di Bono, l’accordo con gli operai di una ditta subappaltatrice, che ieri, nel cantiere, erano saliti saliti per protesta sul tetto di un edificio in costruzione.

I lavoratori riceveranno il pagamento di tutte le mensilità arretrate

L’intesa è stata raggiunta al termine di un confronto durato oltre sei ore e in cui non sono mancati forti momenti di tensione.

Gli operai riceveranno le mensilità arretrate, almeno per il cantiere trentino. La ditta che aveva subappaltato alcuni lavori di finitura si è impegnata a versare quanto dovuto e dunque gli operai potranno ricevere finalmente quanto spetta loro.

Al confronto hanno preso parte anche i funzionari sindacali Venko Trpeski e Stefano Turrini, funzionari della Fillea Cgil e della Filca Cisl.

«È stato un confronto abbastanza acceso – ammettono – i lavoratori erano esasperati da una situazione che stando alle loro dichiarazioni non è limitata solo al cantiere trentino. E’ grave che in un momento di difficoltà per tutti ci sia sempre qualcuno che cerca di tutelare se stesso a danno dei più deboli, in questo caso gli operai».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy