Salta al contenuto principale

Mauro Bernardi e la sua esperienza

di disabile diventato maestro di sci

Oggi e domani incontri con i ragazzi delle scuole Upt ed Enaip

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi
«Quando si cade e si tocca il fondo bisogna rialzarsi e ripartire» dice Mauro Bernardi, quarantenne bergamasco, disabile e che è diventato maestro di sci. 
Una sorprendente testimonianza, che la Comunità della Val di Non, assessorato alle politiche sociali guidato da Carmen Noldin, ha voluto portare in valle, favorendo l’incontro con i ragazzi delle Scuole Upt e Enaip nelle giornate di oggi e domani.
«Un progetto che desidera favorire l’integrazione e l’aggregazione tra persone normodotate e disabili attraverso l’incontro e il dialogo. Con Mauro Bernardi sarà un momento di importante formazione umana e sportiva per gli studenti e ragazzi coinvolti, volto anche a evidenziare i valori dello sport e della vita» commenta l’assessore Noldin.
Già, perché Bernardi, nonostante una disabilità che gli ha precluso l’utilizzo delle gambe, è un maestro di sci. «Mi sento come un granello di sabbia che può coinvolgere altri granelli - commenta Mauro -. Il primo obiettivo è quello di trasmettere questa voglia lavorativa, questa cultura e questa forza che mi ha aiutato a rialzarmi e affrontare le sfide della vita. Per quanto mi riguarda, la cosa più bella e paradossale è che nella disabilità sono riuscito a fare ciò che non riuscivo a fare nella precedente condizione. Era il 31 agosto 2005 ed ero diretto con il mio camion a Padova per una consegna - racconta Bernardi -. Viaggiavo in prima corsia quando un tir mi si è messo davanti. L’impatto è stato violentissimo. Ho capito subito che era successo qualcosa di grave: non sentivo più niente dalla vita in giù. Ma ero contento di essere vivo».
Dopo l’incidente, Mauro  collabora con le scuole per sensibilizzare i ragazzi al tema della disabilità, ma soprattutto per trasmettere la sua esperienza di vita.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy