Salta al contenuto principale

Imprenditore denunciato

per sfruttamento di 8 stranieri

nella raccolta delle mele

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Hanno firmato un contratto di lavoro che rispettava i parametri fissati da quello collettivo provinciale di categoria ma a loro sono stati riservati turni e salario non conformi nonché condizioni di alloggio assolutamente indecorose. È questa la situazione in cui si sono venuti a trovare, nello scorso autunno, 8 stranieri occupati nell'attività di raccolta delle mele in Val di Non.

Lo hanno stabilito i carabinieri della Compagnia di Cles nel corso di un'inchiesta condotta in collaborazione con personale dell'ufficio lavoro della Provincia autonoma di Trento e conclusasi con la denuncia all'autorità giudiziaria per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro di un imprenditore locale.

L'uomo è stato anche multato per 4.000 euro poiché non aveva assicurato due dipendenti.

Carabinieri ed ispettori del lavoro hanno inoltre riscontrato che l'imprenditore riconosceva ai suoi operai un numero di giorni/lavoro inferiore a quello reale e, sistematicamente, un ridotto numero di ore (6 anziché 9). Agli 8 stranieri, persone in regola con il permesso di soggiorno, offriva inoltre alloggi degradanti ospitandoli all'interno di un garage normalmente usato come deposito di attrezzi e parcheggio di mezzi agricoli, uno stanzone fatiscente, senza pavimento e non riscaldato, in cui erano stati collocati 13 posti letto, allestiti con materassi e coperte logori.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy