Salta al contenuto principale

Per Ville d'Anaunia

un nuovo regolamento

per l'uso di fitofarmaci

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 23 secondi

È stato presentato in consiglio comunale il programma di legislatura dell’amministrazione comunale di Ville d’Anaunia.
In consiglio - dove, ricordiamo, non esiste un gruppo di minoranza, fatta eccezione per la “stecca nel coro” che risponde al nome di Marco Santini, il “consigliere ribelle” - il sindaco Samuel Valentini dovrebbe avere zero difficoltà nella traduzione in pratica degli indirizzi di governo. Ecco dunque, in sintesi, il piano di azione con alcuni estratti del documento presentato.

Cantiere comunale - Fra gli impegni presi ci sono il poteziamento della dotazione di automezzi del cantiere comunale, nuove assunzioni di operai, il potenziamento dello sgombero neve delle strade comunali Decoro urbano - Si parla di «un progetto di recupero e restauro di tutte le fontane comunali», oltre che di decorazioni stagionali in tutti i paesi, «in particolare ci siamo già attivati per le decorazioni natalizie che quest’anno saranno presenti compatibilmente con le risorse che siamo riusciti a reperire nel breve termine, ma che ci riproponiamo di migliorare di anno in anno». Si parla anche della copertura telefonica in Val di Tovel.

Agricoltura e pesticidi - I contadini sono l’82% delle partite Iva di Ville D’Anaunia. «In questi giorni siamo riusciti a potenziare la pulizia delle strade interpoderali». Questi gli obiettivi in ambito agricolo: costituzione in consiglio di una commissione agricoltura per affrontare tutte le problematiche del mondo agricolo; miglioramento della manutenzione ordinaria delle strade interpoderali; manutenzione straordinaria delle strade interpoderali dove necessario; creare una sinergia fra il mondo agricolo e le scuole diffondendo iniziative, anche in collaborazione con Melinda, in cui i ragazzi inizino a conoscere il mondo agricolo tramite attività all’aperto come ad esempio l’orto didattico; un nuovo regolamento di maggior chiarezza per i trattamenti fitosanitari.
Sicurezza - «Dopo i recenti fenomeni di vandalismo e di furti nelle case abbiamo lavorato sul potenziamento del sistema di videosorveglianza e su una maggiore collaborazione con i carabinieri. Altra tematica importante è la necessità di dotarsi di defibrillatori pubblici e di personale adeguatamente formato per prevenire le emergenze».

In strada - All’ordine del giorno del Comune c’è il potenziamento degli attraversamenti stradali. Si punta a nuovi sistemi di videosorveglianza nei luoghi sensibili, a nuovi dissuasori di velocità Urbanistica - C’è poi la questione del piano regolatore e dei servizi primari. Ville D’Anaunia non ha un Prg unico, inoltre la mancanza fin dalla fusione di variazioni che andassero incontro alle esigenze della popolazione ha nel tempo fatto accumulare circa un centinaio di richieste di variazione. «È quindi urgentissimo riprendere in mano la questione ed arrivare al primo piano regolatore di Ville D’Anaunia. Le linee guida devono essere la realizzazione di un piano regolatore allo stato dell’arte che permetta, fra le altre cose, un recupero dei centri storici, l’eliminazione di vincoli non più attuali, lo sviluppo armonioso del territorio e permetta una rapida risposta a tutte le richieste pendenti».

Un altro aspetto è la mancanza di alcuni servizi primari in alcune zone di Ville D’Anaunia. «Con il progetto di sviluppo della località Diga ci riproponiamo di portare gli allacciamenti primari in quella zona del Comune, non è infatti pensabile un vero sviluppo in assenza di servizi primari per la popolazione».
Turismo - «Di fondamentale importanza per lo sviluppo di Ville D’Anaunia - si legge nel documento - è risolvere le criticità della mobilità in Val di Tovel. La soluzione individuata si dovrà conformare alle seguenti linee guida: garanzia di accesso per i residenti, attenzione alla preservazione della Val di Tovel, capacità di sfruttare il gran numero di visitatori per arricchire economicamente il territorio, fornire un servizio di alto livello ai visitatori e alle famiglie». Nell’elenco delle cose da fare ci sono poi la valorizzazione dell’ eremo Santa Giustina, delle chiesette, la valutazione del progetto “ponte tibetano” in località Stangia e la mappatura digitalizzata delle strade con Gps.
Montagna - Si promette l’attivazione di un bando per il malghetto di Tuenno che tenga conto di attività agrituristica, servizi estivi per bambini, mantenimento di pascolo e fattoria didattica, oltre ai miglioramenti a Malga Tuena, Malga Tasula e al malghetto di Tassullo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy