Salta al contenuto principale

Asili e materne, i genitori

chiedono una programmazione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 26 secondi

Nuove modalità e garanzie per la ripresa a settembre dell'attività della scuola dell'infanzia, contando su organizzazione, spazi e risorse per assicurare la presenza di tutti i bimbi iscritti.

Quest'anno l'emergenza Covid 19 ha indotto la giunta provinciale a prolungare sino al 31 luglio l'apertura dei servizi educativi per la fascia tra i 0 ed i 6 anni. Una riapertura riservata però a pochi (non più di 10 bambini per sezione), e che non detta certezze per la regolare ripresa dell'attività educativa a settembre.

A fronte di tutto ciò i genitori del Comitato di Gestione delle materne comunali di Pergine «GB1» di viale Petri, «GB2» di via Amstetten e di Roncogno (415 piccoli frequentanti) hanno inviato una lettera a giunta e servizi provinciali, al presidente del Consiglio del sistema educativo Giovanni Ceschi e al Garante di Minori Fabio Biasi.

«Negli ultimi mesi noi genitori siamo diventati pedagogisti, insegnanti ed educatori dedicandoci a tempo pieno ai figli anche a discapito del lavoro - scrivono i membri del Comitato di Gestione - crediamo in un progetto educativo studiato ad hoc per i nostri figli, in un contesto fatto di apprendimento e relazioni: la scuola non è un mero parcheggio, ma un luogo dove i nostri figli tessono relazioni, scoprono e si scoprono». Dopo le difficoltà nelle relazioni educative vissute durante l'emergenza ora i bambini hanno di nuovo bisogno di prossimità, gioco condiviso, relazioni tra pari: dimensioni cardine della loro esperienza scolastica. «La riapertura del 18 giugno ha permesso l'accesso al servizio educativo a meno della metà dei bambini iscritti per settembre (appena 169 nei tre asili comunali ndr) non dando tempo ad ente gestore ed educatori di riorganizzare un progetto educativo di qualità - precisano i genitori - i bambini della scuola dell'infanzia vanno pressi in considerazione e tutelati garantendo la giusta attenzione. Non possiamo accettare che alla maggioranza dei bimbi, gli adulti del domani, venga negato il diritto all'educazione e alla socialità».

Da qui la necessità di avviare sin d'ora una programmazione ed organizzazione condivisa (calendario, orari, anticipo-posticipo) con opportune risorse economiche affinché tutti i bambini iscritti possano accedere da settembre alla scuola dell'infanzia che ha un ruolo fondamentale nella loro maturazione e crescita cognitiva, sociale ed emotiva. Tra le richieste la rivalutazione, ristrutturazione e risanamento di ulteriori spazi comunali idonei, garantendo il personale necessario alla gestione del servizio.
«Le richieste dei genitori sono del tutto condivisibili e l'amministrazione di Pergine con Asif Chimelli si è già attivata verso la provincia in sinergia con i comuni di Trento e Rovereto - conferma Daniela Casagrande vicesindaco ed assessore comunale alle attività sociali - stiamo valutando di riattivare la sede del ex nido Il Castello riorganizzando gli spazi nel polo di via Amstetten e mettendo a disposizione alcuni locali dell'attiguo centro giovani #Kairos. Prima servono però linee guida ed indicazioni più precise da parte della provincia sul numero di bambini per ogni sezione (si potrebbe scendere a 20), personale richiesto e protocolli per garantire sicurezza e piena tutela a bambini ed educatori».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy