Salta al contenuto principale

Anche il sindaco Oss Emer

era tra i positivi "fantasma"

«Avevo fatto solo il test rapido»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

Ora sta bene ed è tornato negativo, ma - come ha rivelato lui stesso - Roberto Oss Emer, sindaco di Pergine, è tra coloro che sono dovuti rimanere per un periodo a casa in isolamento perché risultati positivi al Covid-19, dopo aver manifestato qualche sintomo.
Eppure anche il sindaco Oss Emer è un "positivo fantasma", ovvero rientra in quei casi di positività - ormai migliaia in Trentino - accertati con il test rapido ma mai confermato con successivo tampone molecolare.
Sindaco Oss Emer, come sta?
Ora sto molto bene.
Lei è stato trovato positivo con il test rapido o con il tampone molecolare?
Io ho fatto il tampone antigenico dal quale sono risultato positivo, mentre mia moglie ha fatto il molecolare. Dopo 10-12 giorni ho fatto il tampone molecolare ed ero tornato negativo.
Quindi lei è tra i positivi che non risultano nel conteggio ufficiale che rileva solo quelli confermati dal molecolare, come sta accadendo a moltissime persone. Le sembra corretto che non siano considerati anche questi numeri?
A noi sindaci quei numeri li danno perché questi positivi devono stare in isolamento come gli altri e io li pubblico tutte le settimane: sia i positivi al molecolare che ai test rapidi, per aggiornare la popolazione sull'andamento dell'epidemia e ricordare a tutti di rispettare le regole. Altri miei colleghi non lo fanno. Però non è del tutto vero che i positivi che risultato dai test rapidi non vengono considerati dalla Provincia.
Cosa intende dire?
I tre Comuni trentini messi in "zona rossa" sono entrati perché hanno raggiunto il 3% di positivi contando oltre ai positivi al tampone molecolare anche quelli al test rapido, altrimenti non ci sarebbero entrati in zona rossa, perché forse sarebbero arrivati all'1% contando solo i positivi al molecolare.
Com'è la situazione dei contagi a Pergine?
Abbiamo (giovedì 27 novembre, ndr) 130 positivi al tampone molecolare e 220 positivi al test rapido. Se pensiamo che il 14 novembre eravamo arrivati a un totale di 500 positivi, direi che c'è un segnale di miglioramento della situazione, perché negli ultimi giorni i guariti sono in numero maggiore rispetto ai nuovi positivi. Oggi i guariti sono stati 25 mentre i nuovi positivi al molecolare 4.
Tutti i positivi, anche quelli accertati solo con test rapido devono rimanere in quarantena?
Certo, sono in isolamento come gli altri, appena gli arriva la comunicazione dall'Azienda sanitaria della positività, che viene trasmessa anche al sindaco. Noi raccomandiamo di stare in isolamento. Ma l'ordinanza sindacale per la quarantena è solo per i positivi al tampone molecolare. L.P.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy