Salta al contenuto principale

Sul lago la tavola di Baywatch
Arriva in dotazione ai pompieri

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

È uno straordinario mezzo salvavita. Ma è anche un oggetto che riporta tutti agli inizi degli anni Novanta, quando un'intera generazione di italiani è rimasta attaccata al televisore a guardarsi Baywatch: anche a Riva del Garda adesso il servizio di salvataggio sarà realizzato con la tavola. Quella, per capirsi, che si usa per scorrere sull'acqua e avvicinarsi al target da recuperare.
Nell'immaginario di una generazione cresciuta a cavallo degli anni Ottanta, difficile pensare a una tavola, senza David Hasselhoff, Pamela Anderson e l'intero squadrone di Baywatch: dalle spiagge della California salvavano vite, mentre si innamoravano tra loro, o di quelli che strappavano alle onde troppo alte dell'oceano. Una serie leggera, amata dagli adolescenti di allora. Che oggi ritroveranno un po' di quell'atmosfera sulle spiagge rivane.
La tavola, per i nostri soccorritori è un mezzo nuovo, ma è già utilizzato in diverse parti del mondo. «Nasce in Australia nel 1920 - fanno sapere i pompieri di Riva - e poi è stata adottata soprattutto negli Stati Uniti e in California. In Italia, alla tavola di salvamento è sempre stato preferito il pattino». La tavola verrà installata sul fuoristrada che da terra raggiungerà velocemente il luogo interessato: «Pensiamo, ad esempio, a un intervento sulla costa di Limone: facciamo prima a portarci in zona via terra col fuoristrada e a uscire con la tavola, che arrivare con il gommone o il motoscafo. Si sa che in acqua la tempestività dell'intervento è fondamentale». Servirà per le perlustrazioni o nelle immersioni a pettine «aiuterà i soccorritori». Inoltre sarà un mezzo molto utile come prevenzione, per esempio in occasione di manifestazioni con molta gente, come quelle legate alla Befana subacquea o alla Notte di fiaba. È un mezzo innovativo che richiede formazione «al nostro personale e anche parecchia esercitazione e allenamento».
Tra venti giorni la tavola sarà di fatto operativa. Intanto in questi giorni la squadra acquatica dei vigili del fuoco volontari di Riva si è messa al lavoro per imparare le tecniche di uso della tavola. Assieme alla istruttrice, Cornelia Rigatti, che ha regalato la formazione, i pompieri hanno fatto esperienza del nuovo mezzo. «C'è stato un giorno di addestramento - fanno sapere i volontari - una full immersion. Bisogna conoscere il mezzo, saperlo usare, capire le tecniche di recupero, serve agilità e anche comprendere bene come si fanno le varie manovre. Ora continueremo ad esercitarci e tra venti giorni, di fatto con il pieno della stagione estiva, saremo pronti a usare la tavola».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy