Salta al contenuto principale

Code, caos e proteste: la distribuzione dei sacchetti della differenziata a Rovereto è un caso

Rovereto, raccolta differenziata, Dolomiti ambiente, distribuzione, sacchetti, code
Chiudi

Rovereto, raccolta differenziata, Dolomiti ambiente, distribuzione, sacchetti, code

Apri

foto Gianni CAVAGNA @ladige

Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

Il 2021, per quanto riguarda la gestione della raccolta differenziata, non è certo partito con il piede giusto. Prima il cambio dei sacchetti - con le proteste degli utenti che avevano ancora in dotazione quelli dell’anno scorso - e poi la distribuzione degli stessi in strada con la suddivisione in ordine alfabetico. Un accorgimento, questo, posto in essere per ovviare al rischio di assembramento.
«Quest’anno, a causa dell’emergenza Covid - ha infatti comunicato l’azienda che si occupa dei rifiuti - non sarà disponibile il consueto ritiro allo sportello di via Manzoni e il servizio di distribuzione avverrà esclusivamente tramite i furgoncini itineranti che si sposteranno nelle varie zone della città. Come di consueto, nelle comunicazioni in corso di spedizione, i cittadini troveranno i buoni da presentare al momento del ritiro e il calendario con tutte le date, gli orari e i luoghi in cui poter trovare i furgoncini. Per evitare code e assembramenti la distribuzione sarà scaglionata in base all’iniziale del cognome. Dolomiti Ambiente raccomanda di organizzarsi rispettando il calendario e la ripartizione seguente: dal 4 al 16 gennaio il ritiro è riservato ai cognomi che iniziano con le lettere dalla A alla K, dal 18 gennaio al 30 gennaio ai cognomi che iniziano con dalla L alla Z».
Peccato, però, che i tentativi di evitare assembramenti e mantenere il distanziamento sociale non sempre vadano a buon fine. E al Follone, - ma anche alla Fosse e in altre zone della città (dal centro alla periferia il leit-motiv sembra il medesimo) - si è assistito ad un ammassamento da sagra, con gente in coda fin dal primo mattino per recuperare il materiale dove conferire i propri rifiuti. Piazzale Leoni ed altri siti strategici, per capirci, si stanno riempiendo di utenti pronti, come da invito per altro, a dotarsi dei sacchi per differenziare l’immondizia ma, di fatto, vanificando l’impegno di contenimento della pandemia. «Un solo addetto non può essere sufficiente», si sono lamentati in molti che, non a caso, suggeriscono di fare ricorso ad una sorta di «riders» con consegne a domicilio dei sacchi. «Basterebbe coinvolgere alcuni giovani e mandarli nelle case, almeno dove abitano anziani. Perché, al di là dell’assembramento, in questo periodo fa molto freddo e costringere chi è avanti con l’età a farsi un’ora di coda al gelo per recuperare la dotazione non va bene».
Le lettere di «invito» spedite a domicilio con le indicazioni dei posteggi dove c’è il furgone mobile, tra l’altro, sono arrivate a singhiozzo. E proprio dopo aver segnalato il contrattempo Dolomiti Ambiente ha comunicato che i nuovi sacchi grigi con codice univoco per il residuo si potranno ritirare per tutto l’anno. E il furgoncino continuerà la sua opera fino al 5 febbraio. «I cittadini che hanno avuto problemi con la ricezione dei buoni potranno scegliere di recarsi in uno qualsiasi dei punti di distribuzione indipendentemente dall’iniziale del cognome. E dalla seconda settimana di febbraio e per tutto l’anno la distribuzione proseguirà nella sede di via Manzoni».
Insomma, le modalità anti-Covid di consegna del materiale per i rifiuti stanno esasperando gli animi e i cittadini chiedono di correre ai ripari.
Ma le lementele non si limitano alla raccolta in strada, in lunghe file con le temperature sotto lo zero: c’è anche chi contesta l’inciviltà di alcuni nel gettare i vestiti usati nell’organico piuttosto che le bottiglie di vetro in terra dove una volta c’erano le campane. «Chiediamo di riposizionare i contenitori del vetro da dove sono stati tolti e aggiungere quelli per gli abiti visto che la gente è fondamentalmente pigra e non si reca al Crm».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy