Salta al contenuto principale

Lo spacciatore di «erba»

era un ventunenne trentino

arrestato dai Carabinieri

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

I Carabinieri della Compagnia di Trento hanno interrotto un’attività di spaccio che, dal giugno dell’anno scorso, si è protratta fino a questi giorni, arrestando un 21enne, che ora è agli arresti domiciliari.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Trento e condotta dai militari del Nucleo operativo e radiomobile, ha portato a individuare un ragazzo trentino che era solito detenere e cedere, anche a minorenni, dosi di sostanza stupefacente ed era già stato notato nel contesto di precedenti investigazioni, concluse lo scorso gennaio, con l’esecuzione di quattro provvedimenti cautelari di collocamento in comunità per altrettanti ragazzi.

Da quella indagine, diretta dalla Procura dei minorenni, è scaturito questo secondo accertamento, che ha consentito di stabilire le responsabilità del 21enne nel detenere e spacciare marijuana, anche a minorenni, a quali dava appuntamento anche nel centro storico di Trento. I suoi clienti sono stati segnalati al Commissariato del Governo. Sono stati sequestrati circa 350 grammi di marijuana.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy