Salta al contenuto principale

Si è spento il sorriso di Sofia

la piccola aveva solo 7 anni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Aveva un sorriso dolcissimo. Amava la danza, la musica; a scuola aveva terminato al meglio la prima elementare, dopo aver conquistato insegnanti e compagni. Quello di Sofia Santuari era un mondo bellissimo, come non può che esserlo quello di una bambina di sette anni, compiuti nell'aprile scorso.

Tutto però è finito troppo presto, ieri, dopo un anno passato a cercare di avere la meglio sul male che aveva iniziato a insidiarla nell'agosto del 2019. Ha chiuso gli occhi nella sua casa di Camparta, a Meano, con accanto mamma Mery e papà Giulio. Genitori coraggiosi, la cui forza in questi dodici mesi è stata costantemente alimentata dalla vitalità di Sofia, che aveva affrontato un cammino difficile, sempre guidato dalla speranza ma al contempo segnato dalla paura e dalla sofferenza, senza mai abbattersi.

La malattia le era stata diagnosticata nell'estate scorsa: era cominciato un percorso diviso tra il centro di protonterapia di Trento e le strutture ospedaliere di Verona. E reso ancora più complicato dall'emergenza per la pandemia. Sofia, assieme a mamma Mery e papà Giulio, sostenuti da parenti e amici, hanno lottato per lunghi mesi, finché qualche settimana fa i medici hanno dovuto arrendersi. Il sole di Sofia ha continuato a splendere, scaldando i suoi cari nelle ore più buie, illuminando, fino all'ultimo, la casa di famiglia e tutta la comunità di Meano. Da ieri continua a farlo, nel silenzio e nella dolcezza dei ricordi.

Una dimensione difficile da accettare: il silenzio e i ricordi non si addicono a una bimba di sette anni e fanno a pugni con la musica, le risate e i sogni. Costretti non più a correre e crescere liberi, ma a resistere stretti, soffocati, nell'intimità di chi la porterà nel cuore. «Sofia ci ha insegnato tanto, soprattutto in questi mesi - la ricorda mamma Mery - ha lasciato un segno profondo, che rimarrà. Era una bambina solare, amava tantissimo la vita e l'ha fatta amare ancora anche a noi, nonostante tutto».

Accanto ai genitori - che hanno voluto ringraziare tutti i medici e gli specialisti che sono stati loro vicini in questi mesi, ma anche i rispettivi datori di lavoro per la grande disponibilità e sensibilità che hanno dimostrato - si sono stretti in queste ore i familiari, gli amici, tutta la comunità di Meano: dall'associazione Le Gorghe, con cui Sofia faceva danza, all'Us Dolasiana, di cui Giulio Santuari è dirigente e responsabile organizzativo e che in segno di lutto posticiperà a martedì 18 agosto l'avvio degli allenamenti.
Il funerale della piccola Sofia Santuari sarà celebrato lunedì 17 alle 10, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta a Meano.

 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy