Salta al contenuto principale

Gestione illecita di rifiuti

Impianto sotto sequestro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) di Trento hanno sequestrato, su ordine del Gip di Trento, l’impianto di recupero di rifiuti speciali non pericolosi, derivanti essenzialmente da demolizioni edili, della ditta Bianchi di Isera, con l’accusa di gestione illecita di rifiuti.

Già nel marzo scorso, il Noe aveva sottoposto a parziale sequestro l’impianto di Isera poiché - secondo l’accusa - l’azienda gestiva i rifiuti rendendo artificiosamente difficoltosa la loro tracciabilità e in molte occasioni, senza sottoporli alle analisi previste dall’autorizzazione ambientale, li miscelava abusivamente tra di loro per poi, direttamente o combinati con il cemento, utilizzarli per la realizzazione di sottofondi stradali, riempimenti di vario tipo, opere edilizie, copertura di discariche.

Nonostante il sequestro, con il quale - di fatto- si era consentito alla società di continuare ad operare salvaguardando il lavoro dei dipendenti, ulteriori indagini hanno permesso di dimostrare che l’azienda non solo non aveva messo in atto i provvedimenti prescrittivi disposti dall’Appa a seguito del sequestro, ma stava continuando a gestire i rifiuti in violazione alle norme di settore.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy