Salta al contenuto principale

I palloncini di Santa Lucia da Levico sono volati fino a Parma con le letterine dei bimbi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

Sono arrivati fino a Parma e atterrati sul tetto dello stabilimento della Barilla i palloncini che sono stati lasciati liberi di volare in cielo la sera del 12 dicembre da piazza della Chiesa e portavano le letterine indirizzate a Santa Lucia dei bambini di Levico. La tradizionale Strozegada si è svolta quest’anno senza la sfilata che conduceva bambini e adulti al seguito del carretto trainato dall’asinello all’interno del Parco delle Teme e per le vie del centro storico; il gruppo micologico della città che da decenni ormai si occupa dell’organizzazione dell’amata manifestazione, viste le restrizioni, ha organizzato una Strozegada online, che ha avuto un grande successo ed è stata seguita e apprezzata da molti. Dopo un video che raccoglieva diverso materiale sulle edizioni passate, i bambini si sono affacciati alle finestre per fare rumore e poi assistere in live al lancio dei palloncini, non annunciato, dalla piazza della Chiesa; una gran bella sorpresa scoprire che anche quest’anno le letterine avrebbero potuto volare in cielo e raggiungere Santa Lucia. Il vento ha poi portato le oltre 600 letterine divise in sacchi e sorrette dalla fila di 200 palloncini colorati nei cieli di Parma dove sono atterrate.

Nei giorni scorsi la notizia è arrivata a Marco Pasquini, presidente dei micologi levicensi, e all’amministrazione comunale che sono stati contattati dallo stabilimento della Barilla. «Al telefono ci hanno promesso che si prenderanno l’impegno di venire a trovarci con alcuni doni per i bambini della scuola elementare» hanno detto. Proprio una bella sorpresa in questo periodo complicato dall’emergenza per tutti i bambini che hanno scritto le letterine che sono arrivate al cuore della grande azienda italiana. «Fino a qualche giorno prima sembrava che non si potesse fare niente, quindi quest’anno la Strozegada è stata organizzata velocemente» ha spiegato il vicesindaco Patrick Arcais aggiungendo che «dall’anno prossimo, in accordo con il presidente Pasquini, per rendere meno impattante sull’ambiente il lancio dei palloncini che non può mancare, utilizzeremo esclusivamente palloncini e buste ecologiche». Si è riusciti quindi, nonostante le difficoltà, a mantenere lo spirito delle feste, a non rompere la tradizione della sera del 12 dicembre e a lanciare i palloncini che portano le letterine in cui tanti bambini di Levico hanno riposto sogni e speranze.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy