Salta al contenuto principale

Formare una giunta

questa sì che è una sfida

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

Ci sono molti modi per costruire una giunta. C’è ad esempio il mitico manuale Cencelli. Il perfetto breviario della spartizione: un metodo inventato nel lontano 1967 dall’altrimenti anonimo funzionario democristiano Massimiliano Cencelli. Grazie al “manuale”, le percentuali raccolte dai partiti diventano sostanzialmente quote - da correggere con il peso specifico del singolo assessorato o ministero - per attribuire le deleghe. C’è poi l’elezione diretta dei ministri o degli assessori: non è prevista da nessuna legge, ma quando gli elettori danno un mare di preferenze a una candidata o a un candidato tendono quasi ad imporlo al presidente o al sindaco. Rovesciando il ragionamento, è infatti molto difficile, per qualsiasi capo alle prese con la formazione di un governo, preferire chi ha preso pochi voti rispetto a chi ne ha presi molti. C’è quindi l’accordo di coalizione: quello che le varie forze politiche siglano prima di andare alle elezioni con l’ambizione di formare poi un governo attento ad ogni esigenza e anche ad ogni appetito. C’è poi un frullato politico in cui si dosano con sapienza due sapori delicati solo all’apparenza: il buonsenso e l’equilibrio (forse dovrei scrivere equilibrismo) politico. Il nuovo sindaco di Trento, annunciando fin dal primo minuto che la sua giunta sarà composta in egual misura da donne e da uomini, sembra aver puntato su buonsenso ed equilibrio. Inevitabilmente dovrà però usare anche il “manuale” e tener conto di qualche promessa fatta prima di mettersi in gioco. Un consiglio, però, glielo si può già dare: con una partenza alla don Abbondio, “vaso di coccio in mezzo a tanti vasi in ferro”, vanificherebbe parte del suo successo, parte della sua capacità di essere il garante di tutta la coalizione senza in fondo appartenere a partiti e movimenti che la costituiscono. La sua indipendenza, il suo essere a suo modo un “civico” - per citare le belle pagine firmate oggi da Paolo Micheletto sull’avanzata dei movimenti civici - è la sua forza. La costruzione dell’esecutivo sarà dunque qualcosa di più di un banco di prova. E qui forse andrebbe ricordato che un tempo i rimpasti andavano di moda soprattutto perché si trattava di applicare un metodo quasi scientifico per cercare di accontentare tutti, fra improbabili staffette e ministeri dalle porte girevoli (al punto che in certe legislature si gratificavano più persone dando loro la stessa seggiola a turno). I tempi sono cambiati, ma la luna di miele - fra eletto e consiglieri - dura sempre poco. Il tempo di fare la giunta, vien da dire. Perché fino al giorno prima è tutto di zucchero, in quanto molti puntano a un frammento di potere e di visibilità. Dal giorno dopo (la formazione della giunta) c’è già il rischio che qualcuno si sfili dalla maggioranza. Immaginatevi dunque che trattative si stiano svolgendo anche a Rovereto, Riva ed Arco, dove si discute di assetti anche se nessuno ha ancora vinto.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy