Salta al contenuto principale

Nastro d'Argento alla carriera a Toni Servillo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

Va a Toni Servillo il Nastro d’Argento alla carriera 2020, riconoscimento che il direttivo dei Giornalisti Cinematografici assegna tradizionalmente, oltre il verdetto che annualmente premia i migliori dell’anno attraverso il voto degli iscritti al Sindacato Giornalisti cinematografici italiani che assegna i Nastri dal 1946.

Lo riceverà, come i vincitori del Nastro dell’Anno andato al film di Giorgio Diritti Volevo Nascondermi con Elio Germano, nel corso della serata di premiazione prevista alla fine di giugno a Roma, dopo il voto che assegnerà i premi tra i candidati che saranno annunciati oggi.

«Un protagonista che continua a lasciare il segno regalandoci personaggi e interpretazioni sempre indimenticabili, nel cinema quest’anno con “L’uomo del labirinto” di Donato Carrisi, “5 è il numero perfetto”, film d’esordio di Igort e, anche nel doppiaggio, con la bellissima voce di Leonzio in un piccolo gioiello come “L’invasione degli orsi in Sicilia” di Lorenzo Mattotti», si legge nella motivazione. «È un perfezionismo, il suo, che continua ad affascinarci e fa la differenza anche nella qualità, nata oltre lo schermo e prima dello schermo, nel suo fare teatro. Personaggi come Tony Pisapia de “L’uomo in più”, “Il Divo Giulio”, sono icone in un quarantennio di performance che continuano a sorprendere» sottolinea, a nome dei Giornalisti Cinematografici, Laura Delli Colli, «senza dimenticare le inquietudini di certi inquirenti che ci regalano, tra il giallo e il noir, un’altra gamma delle sue interpretazioni».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy