Salta al contenuto principale

Messner e il nuovo libro:

oggi si svela (on-line)

il suo «Everest solo»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Si può certamente dire che Reinhold Messner ha cambiato la storia dell’alpinismo moderno, per tanti motivi, non ultimo il rapporto con i media e il fatto che ha sempre raccontato con i suoi libri che sono dei veri bestseller le sue imprese.
Ora pubblica con Corbaccio un nuovo libro (nella foto a fianco la copertina) che racconta una sua impresa dell’agosto di 40 anni fa. Un’impresa che pochi allora consideravano fattibile: ossia scalare da solo l’Everest senza ossigeno. E ora lo racconta - o lo ri-racconta - in questo libro edito da Corbaccio, Everest Solo (208 pagine, 19,90 euro) in uscita in libreria giovedì 2 luglio.

Lo scalatore altoatesino lo presenterà oggi in diretta, sulla pagina Facebook de ll Libraio, rivista edita dal Corbaccio.

Il libro racconta dell’impresa del 20 agosto 1980: Reinhold Messner raggiunse la vetta dell’Everest in solitaria e senza ossigeno. Nel libro emerge il suo motto: «L’impossibile è solo qualcosa che non è ancora stato fatto». Il racconto di questa impresa straordinaria è al centro del libro che narra anche il suo lungo viaggio attraverso il Tibet, regione misteriosa e inaccessibile dominata da giganti di ghiaccio, costellata di monasteri spesso in rovina e percorsa da interminabili carovane di yak.

Attraverso le pagine sull’ascensione, vediamo anche tornare in vita i leggendari alpinisti che hanno preceduto Messner: Mallory, Irvine e Wilson. E nella luce abbacinante, immerso nell’aria sottile, misurandosi con la spossatezza, con il pericolo e, a tratti, con la disperazione, Messner riflette sulle motivazioni che spingono quanti si cimentano con gli Ottomila. E le condivide con i lettori insieme alle pagine del diario della sua compagna di viaggio Nena Holguín, che seguì dal campo base la sua incredibile impresa.

Reinhold Messner, oggi ha 76 anni, è sicuramente il più noto alpinista di tutti i tempi e ha tuttora un seguito enorme, in particolare nei paesi di lingua tedesca, ma anche in Italia. Come scalatore e alpinista d’alta quota, sperimentatore del limite, e «filosofo in azione», ha sempre cercato nuove sfide. È stato il primo alpinista ad aver salito tutti i quattordici Ottomila, e primo ad aver salito l’Everest in solitaria e senza ossigeno, ha aperto più di 100 nuove vie e ha al suo attivo 3500 vette in tutti i continenti. Vive a Merano e al Castel Juval in Val Venosta, dove dirige un’azienda agricola e i «Messner Mountain Museum».

Corbaccio ha già pubblicato con successo numerosi libri, editi in diverse lingue. Ultimo tra l’altro è l’appello «Salviamo le montagne».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy