Salta al contenuto principale

La trentina Wires Records
lancia Common Flaws e Toolbar

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 46 secondi

È targata Common Flaws l'ultima uscita della label trentina Wires Records creata da Giacomo Oberti dei Bankrobber .
Si tratta del singolo Pressure che richiama un sound disco funk 70's 80's. La batteria martellante in 4/4 scandisce un ritmo da dancefloor per tutta la durata del brano e le voci campionate sono state estrapolate dal film «Notting Hill» uno dei film cult romantici degli ultimi decenni. Il videoclip è stato girato durante il periodo di quarantena e ritrae una giovane casalinga che danza trasportata dal groove mentre svolge alcune faccende quotidiane.

«Pressure» è il primo singolo della produzione Common Flaws a cui seguiranno nuove pubblicazioni di matrice elettronica, funky e tech house. Altra release estiva della Wires è il nuovo brano dei Toolbar dal titolo Geografia (nella foto un'immagine del video) con un testo dalle metriche frenetiche e dinamiche in cui i ragazzi della band denunciano tendenze sociali ormai autodistruttive ed effimere. Un pezzo, registrato e mixato ai Metro Rec Studio di Riva del Garda, molto strutturato a base di chitarrine clean, batterie sincopate ma incalzanti e linee melodiche orecchiabili e dettagliate.

«Geografie», inserita nella tracklist di quello che sarà il loro primo album «Igloo», è il seguito della canzone «Film» che parlava invece di abitudini ormai rifiutate, di rimpianti verso una vita non scelta, di amori perduti, di paranoie verso una nuova vita. La band di giovani trentini formata da Andrea Zoppirolli, Stefano Beretta, Edoardo e Sebastiano Omezzoli, Gioele Maiorca , aveva già inciso per la Wires la canzone «Come uno showman» che dimostrava l'intenzione di questi musicisti di volersi imporre senza troppi fronzoli sul mood sonoro dei nostri giorni portando uno stile vintage trattato in modo innovativo e fresco. In questo pezzo il farfisa sugli ottavi riproduce i soliti due accordi mentre la voce rappa con un flow attuale fino al bridge. Questo riporta, tramite la melodia e l'arrangiamento, alle vecchie canzoni rock‘nroll anni Sessanta per poi sfociare in uno stile dj set. Il progetto Toolbar ha preso forma nel 2017 e dopo alcuni anni di concerti la band ha iniziato a cavalcare l'onda indie pop trainata da musicisti quali Frah Quintale, Calcutta e Giorgio Poi ma con influenze anche straniere come Eminem, Busta Rhymes e Kanye West. Ma per l'estate ci saranno altre produzioni della Wires: «Le prossime uscite - sottolinea Giacomo Oberti - saranno il secondo singolo di Common Flaws e "Sapphire" di Ozukee, giovanissimo artista trentino all'esordio solista e new entry nel nostro rooster».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy