Salta al contenuto principale

A22, alla Camera salta

la soluzione riscatto

Sarà gara o proroga?

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Contrordine alla Camera dei deputati. Esce di scena la soluzione riscatto delle azioni per liquidare i quattro soci privati di Autostrada del Brennero spa.

Era la via prioritaria individuata dalla ministra alle infrastrutture e ai trasporti, Paola De Micheli , per sbloccare una volta per tutte la nuova concessione di A22: autorizzare, in forma di legge, i soci pubblici di Autobrennero ad esercitare l'esercizio del diritto di riscatto delle azioni dei privati (che detengono il 14.1575% del capitale sociale), in deroga quindi allo statuto della spa, che non lo prevede.

E di riscattarle ad un prezzo che non avrebbe dovuto tenere conto del valore del Fondo Ferrovia: un prezzo prossimo quindi ai 70 milioni di euro, anziché ai 170-180 attesi dai privati.

Ora torna l'incertezza e ci si interroga su quale possa essere la prospettiva, nella quale potrebbe rientrare anche una gara. ma non si può escludere intanto una nuova proroga. Oppure soluzioni diverse tutte da capire.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy