Salta al contenuto principale

Festival, ieri sera l'omaggio

ad Antonio Megalizzi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Il Festival dell’economia di Trento ha tributato un omaggio ad Antonio Megalizzi, il ventinovenne giornalista studente di Studi internazionali a Trento, morto a Strasburgo insieme ad un collega polacco nell’attentato ai mercatini di Natale del dicembre 2018.

In sala, al Teatro Sociale, anche la famiglia e la fidanzata di Antonio.

L’incontro, intitolato ‘"Voci europee", è stato coordinato dal giornalista francese Eric Jozsef, corrispondente da Roma del quotidiano Libèration.

«Antonio Megalizzi credeva in un’opinione pubblica europea. E questo è il miglior modo per ricordarlo: ragionare sull’informazione dall’Europa e sull’Europa», ha detto Jozsef il quale ha sottolineato come sia «impossibile continuare a costruire il sogno di un’Europa unita, nel quale credeva ardentemente il giovane Megalizzi, se non si riesce a costruire un’opinione pubblica europea. Antonio era innamorato della democrazia europea».

Megalizzi, già laureato in Scienze della comunicazione e aspirante giornalista, era una delle voci di Europhonica, circuito di radio universitarie europee, oltre cento, nato anche su sua iniziativa nel 2014. Una radio che anche attraverso i social network raccontava le sedute del parlamento e spiegava le istituzioni europee a un pubblico di coetanei ma non solo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy