Salta al contenuto principale

Freni surriscaldati, il treno va ko

Convogli soppressi e ritardi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Treni soppressi e convogli in ritardo. Quello di ieri è stato un pomeriggio di disagi per i passeggeri che si trovavano sulla tratta del Brennero, ma anche sulla Trento- Malé.

La circolazione ferroviaria è stata infatti interrotta per un principio di incendio su un treno all’altezza di Nave San Felice, in direzione sud. L’allarme è scattato verso le 17.10, quando si è alzata una densa nube di fumo da una delle carrozze. Immediatamente è stato dato l’allarme al numero unico di emergenze 112. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Lavis: nessun pericolo, per fortuna, per i passeggeri, visto che non si trattava di un problema all’interno della carrozza.

Il principio di incendio è stato infatti causato dal surriscaldamento dell’impianto frenante, che è diventato quasi incandescente.  
La squadra, dopo avere verificato le condizioni dei passeggeri, tutti incolumi e del vagone, ha individuato appunto l’origine del problema ed ha avvisato la direzione.

Per consentire l’intervento dei pompieri la circolazione dei treni è stata interrotta e la Trento Malé bloccata. Verso le 18 la circolazione dei treni è ripresa, ma il guasto ha provocato ritardi e anche la soppressione di alcuni treni. Soltanto dopo le 19 la circolazione dei convogli poteva dirsi ripresa in modo normale.

Alcuni convogli, che scendevano da Bolzano, sono rimasti bloccati all’altezza delle campagne di Mezzocorona.

Un treno è ripartito con un’ora e mezza di ritardo, un convoglio Freccia, due Eurocity e dieci treni regionali hanno subito rallentamenti: per i passeggeri le attese hanno raggiunto anche gli ottanta minuti. Ma c’è da segnalare anche la soppressione di due treni: uno a Trento e uno che doveva andare da Ala al capoluogo.

Inevitabili, dunque, i disagi per chi ieri si trovava in treno. La tratta tra Trento e Bolzano, del resto, è utilizzata ogni giorno da 15.000 passeggeri: circa 5.300 che salgono si spostano dal capoluogo trentino a quello altoatesino e oltre 9000 che da Bolzano raggiungono Trento.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy